you reporter

Conferenza sulle ludopatie <br/> promosso dall'assessore Ielasi

43711

16/07/2015 - 13:00

di Barbara Zaninello

PORTO TOLLE - Dipendenza da gioco: se n’è parlato mertedì scorso in sala consiliare durante un tavolo tecnico della conferenza dei sindaci.

A discuterne l’assessore ai servizi sociali Leonarda Ielasi che ha fortemente voluto questo incontro ricordando come “il fenomeno della ludopatia, ovvero la malattia del gioco d’azzardo, è molto evidente nel nostro comune”.

A testimonianza di ciò il fatto che il cosiddetto “sos” parta proprio dai protagonisti di queste amare vicende, ovvero i dipendenti dal gioco d’azzardo che sono “intrappolati” all’interno di tale vortice vizioso.

Dunque, al fine di contrastare il fenomeno preoccupante, l’assessore Ielasi ha ben pensato di contattare Caterina Forzato, medico che da molto tempo segue da vicino questi casi che creano una vera e propria tensione sociale e culturale. Da lì ne è nata una collaborazione che è sfociata poi in un progetto di rete, finanziato da Csv di Rovigo grazie al sostegno dell’Ulss 19 di Adria, a cui hanno preso parte vari comuni fra cui Porto Tolle e Taglio di Po e la cui associazione capofila è Ama (Auto Mutuo Aiuto) Polesine.

Ma vi hanno aderito anche le Caritas, la parrocchia di Taglio di Po, Acat (Associazione dei club alcologici territoriali) Basso Polesine, il Collettivo senza slot di Pavia, l’Ipsia e l’associazione Solidarietà Delta di Porto Tolle e Alea (Associazione per lo studio del gioco d’azzardo e dei comportamenti a rischio).

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


GLI SPECIALI

Tesori. Alla scoperta del territorio tra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl