you reporter

Lo sviluppo del Delta del Po <br/> viaggia lungo i nostri fiumi

Navigabilità

51012
ROVIGO - Le vie d’acqua sono una risorsa per lo sviluppo sostenibile, e Venezia può diventare il perno del sistema padano di trasporto fluvio-marittimo Ma serve maggiore coordinamento tra le istituzioni regionali e locali.

E’ questo il messaggio lanciato dal convegno dal titolo “Venezia e Rovigo protagoniste nello sviluppo economico collegato alla logistica ed al turismo sostenibile - Programmazione del territorio e delle infrastrutture”, organizzato da Assonautica Polesana e Assonautica di Venezia, in collaborazione con l’Unii che si è svolto lunedì nel salone del Grano della Camera di Commercio di Rovigo.

In apertura, l’assessore regionale Cristiano Corazzari ha sottolineato come il trasporto via acqua sia considerato strategico dalla regione per le positive ricadute economiche e ambientali. Già ora - del resto - sull’idrovia Venezia-Mantova viaggiano merci per due milioni di tonnellate all’anno, ma il volume dei trasporti può aumentare.

Il presidente di Assonautica Venezia, Roberto Magliocco, ha sottolineato come il trasporto via acqua sia una componente significativa del trasporto delle merci nei paesi del Nord Europa, mentre in Italia si è privilegiato il trasporto su gomma.

Il deputato Diego Crivellari ha posto l’accento sulla necessità di fare sistema per affermare il ruolo fondamentale dell’idrovia polesana. Quindi ha annunciato che sta per essere eliminata la strozzatura costituita dal ponte ferroviario di Rosolina sul canale di Brondolo, che già dal 2016 sarà reso navigabile anche dalle navi di quinta classe europea.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



GLI SPECIALI

Tesori. Alla scoperta del territorio tra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl