you reporter

Bovini dopati, quattro condanne <br/> per le carni contraffatte

Tribunale

47061

Il tribunale di Rovigo

17/02/2016 - 18:55

Si è conclusa con sequela di condanne, un'assoluzione e una prescrizione il processo sui bovini dopati in Polesine. La maxi-inchiesta riguarda i trattamenti illeciti sulla carne che era destinata all'alimentazione. L'accusa era quella di aver sottoposto a trattamenti illeciti bovini di allevamenti del Delta polesano, ma anche del Delta Ferrarese e della Bassa Padovana. Sostanze dopanti sulle carni destinate al consumo umano. A processo sono finiti Claudio Anali, 60 anni, di Monselice; Matteo Braga, 43 anni, di Porto Tolle; Roberto Crepaldi, 54 anni, di Adria; Massimo Oliviero, 42 anni di Ariano nel Polesine; Roberto Scarparo, 52 anni, di Adria; Nicola Tiengo, 53 anni, di Porto Viro. Mercoledì 17 febbraio la sentenza del giudice: 4 anni a Roberto Crepaldi, 3 anni e 3 mesi a Roberto Scarparo, 2 anni e 6 mesi a Matteo Braga, 2 anni a Massimo Oliviero, assoluzione dal reato di sofisticazione e contraffazione di alimenti per Claudio Anali, proscioglimento dal reato di peculato per intervenuta prescrizione per Nicola Tiengo.

Il servizio completo in edicola nella Voce di giovedì 18 febbraio

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



GLI SPECIALI

Tesori. Alla scoperta del territorio tra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl