you reporter

CORONAVIRUS IN POLESINE

Un solo nuovo contagio in Polesine, ma è "importato"

Continua il trend positivo di decrescita del contagio. Il bollettino dell'Ulss 5 Polesana

Compostella: “Iniziativa per operatori e comunità”

Il direttore generale dell'Ulss 5 Antonio Compostella

"Comincio, come di consueto, con il quadro della situazione in Veneto: continuano a essere in riduzione i ricoveri e le nuove positività. Il trend oramai è consolidato: sono 57 i nuovi riscontri di positività in Veneto nelle ultime 24 ore, e decresce il numero dei posti letto occupati in area critica.  È necessario evitare gli assembramenti, usare guanti o gel idroalcolici, indossare la  mascherina e mantenere la distanza sociale per non vanificare tutti gli sforzi fatti fino ad ora. Dobbiamo imparare a convivere con il virus restando responsabili e attenti: tra due settimane vedremo gli effetti di tale responsabilità e dei nostri comportamenti", con queste parole il Direttore Generale commenta il bollettino di oggi, 7 maggio 2020, rispetto all’epidemia di Covid-19 in Polesine. 

Nuove positività. In Polesine,oggi, abbiamo un solo riscontro di  positività. Si tratta di un giovane donna, nata nel 1998, operatrice socio – sanitaria in una struttura della provincia di Ferrara, è in isolamento domiciliare. Sono in totale 437 i residenti in Polesine con positività al COVID-19 riscontrati da inizio epidemia.

Ricoverati in ospedale Covid Trecenta. Sono 26, dei quali 24 in Area Covid a Trecenta e 2 in Terapia Intensiva Covid a Trecenta. Ad oggi sono 539 le persone poste in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva.

Tamponi. I tamponi eseguiti da inizio epidemia in Polesine sono 14.827. Sono stati eseguiti 61 tamponi ogni 1000 abitanti in Polesine (la media del Veneto è 50). Le persone sottoposte a tampone, da inizio epidemia in Polesine, sono 10.859.

Guarigioni. Oggi vi sono da registrare 3 pazienti guariti, sono 170 le persone guarite da inizio epidemia.

Controlli nelle aziende. Lo Spisal dell’Azienda ULSS 5 ha controllato ieri, 6 maggio, 16 Aziende. In queste Aziende sono impiegate, a vario titolo, 162 persone; tutti i parametri di sicurezza erano congrui e adeguati.

Ospedale Fase 2 – ripresa attività.

Prestazioni. "Ieri, 6 maggio 2020, abbiamo erogato 5.885 prestazioni totali, 4.494 nel  Distretto 1 di Rovigo , 1.391 nel Distretto 2 di Adria. Di queste prestazioni, 4.248 erano di natura laboratoristica (analisi chimico cliniche, anatomia patologica, microbiologia).

Attività Cup (centro unico prenotazione). Ieri, 6 maggio, il Centro unico di Prenotazione ha ricevuto circa 8.500 chiamate, con quasi 13.500 prestazioni prenotate (si ricorda che spesso l’utente con una sola chiamata,prenota più prestazioni )

Attività chirurgica.  Continua la ripresa dell’Attività Chirurgica, ieri 6 maggio, sono stati effettuati:  

-      16 interventi presso l’Ospedale Rovigo

-      3 interventi all’Ospedale di Adria

-      Tutti i pazienti che debbono sottoporsi a intervento chirurgico, vengono prima sottoposti a tampone. La negatività al tampone è necessaria per effettuare in piena sicurezza l’operazione chirurgica.

“I cittadini del Polesine hanno capito che le misure di sicurezza messe in atto, sono finalizzate a tutelare la loro salute e quella della comunità. Anche se,chiaramente, rallentano le attività. Stiamo cercando di trovare un equilibrio tra efficienza e tempo dedicato ai controlli” ha sottolineato il dr. Antonio Compostella, Direttore Generale.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl