you reporter

CORONAVIRUS IN VENETO

"In 24 ore, in Veneto, solo 11 nuovi positivi"

I dati del presidente della Regione Luca Zaia

Salgono i contagiati da Coronavirus in Veneto: 273

I tamponi sono 513.848, ha spiegato il presidente della Regione Luca Zaia nel consueto appuntamento quotidiano con i Veneti e con la stampa; 18950 i positivi, 11 in più rispetto alle 24 ore precedenti, il numero più basso dall'inizio vero e proprio dell'emergenza; 3870 persone in isolamento, 109 in meno; i ricoverati sono 592, 9 in meno; le terapie intensive sono 51, con un aumento di una unità; i dimessi sono 3187, 8 in più; i morti sono 1803 in totale, 1322 in ospedale, 6 in più.

"Dalla mezzanotte di oggi, lunedì 18 maggio - ha quindi detto il presidente della Regione - abbiamo di fatto autorizzato tutto. Penso che domani, martedì 19 maggio, sarà la giornata clou. Alcuni chiarimenti: i mercati sono tutti consentiti, compresi mercatini di settore: nei ristoranti la distanza minima è di un metro, quindi, rivolgo un appello ai sindaci, per favorire l'espansione all'esterno dei locali, con plateatici e simili".

"Sono poi vietati i buffet - ha ribadito Zaia - nel senso dei buffet tradizionali. Nel momento in cui sarà garantita la presenza di una persona che si occupi dell'impiattamento, col cibo protetto e con il mantenimento della distanza sociale, sarà possibile farlo. Il buffet degli alberghi, insomma, diverrà simile a quello che accade nei self service".

"Stiamo anche lavorando - ha proseguito Zaia - per il 25 maggio o al massimo per il 1° giugno, per due comparti che ci stanno molto a cuore. Il primo è il tema dei centri estivi, che viene previsto dal Dpcm, stiamo facendo un'ultima ricognizione, anche in relazione alle nostre linee guida, per sbloccare anche questa partita. L'altro settore è quello dei parchi di divertimento, dei luna park, del mondo della giostra e degli spettacoli viaggianti. Siamo convinti che con linee guida precise e con un lavoro che stiamo facendo, si riesca a risolvere anche questa situazione. In settimana arriverà una ordinanza su questo".

"Ultimo aspetto - ha chiuso Zaia - il tema dei dispositivi. Arrivano molte segnalazioni di cittadini che non usano la mascherina. Noi non vogliamo istituire una nuova dittatura o puttanate del genere che leggo. Noi abbiamo imposto le mascherine obbligatorie perché il Veneto ha fatto una apertura importante e anticipata, noi non vogliamo perseguire i cittadini, ma si tratta di una necessità di messa in sicurezza. E' dimostrato scientificamente che la mascherina salva la vita. Se di fronte a una tragedia simile portare la mascherina viene vissuta come una violenza, vuole dire che manchiamo di senso della comunità. per le multe, non le ho inventate io, sono esattamente le sanzioni previste nel Dpcm, che prevede sanzioni dai 400 ai 3mila euro".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl