you reporter

CORONAVIRUS IN POLESINE

"Quinto giorno a contagio zero: la ripresa continua senza ricadute"

Il bollettino del contagio dell'Ulss 5 Polesana, spiegato dal direttore generale Antonio Compostella

"Quinto giorno a contagio zero: la ripresa continua senza ricadute"

Quinto giorno consecutivo a contagio zero in Polesine. Lo annuncia il direttore generale dell'Ulss 5 Polesana, Antonio Compostella. "Un quadro incoraggiante - spiega - Il virus non sta circolando. Mi ripeto, non vuol dire che l'abbiamo eliminato. Il virus è presente negli asintomatici positivi. Questo è il nostro target per l'oggi e il domani. La situazione comunque è incoraggiante e ci permette di guardare al futuro con fiducia".

"Sono passati diversi giorni dalla prima trance di aperture e non ci sono state conseguenze evidenti - spiega ancora - Rispetto alle aperture del 18 però dobbiamo attendere ancora una settimana almeno. Ma quello che vediamo oggi ci fa ben sperare per la salute del Polesine. Possiamo aspettarci ogni tanto qualche positivo e anche qualche microfocolaio familiare. Fa sperare per le attività produttive e commerciali. Se superiamo indenni queste settimane la ripresa può continuare evitando ulteriori chiusure".

"Buone speranze anche per la stagione balneare della nostra costa - continua Compostella - Abbiamo fatto un incontro con i sindaci e i balneatori abbiamo fatto un lavoro di preparazione e posso veramente dire che le persone che verranno a fare le vacanze in spiaggia sul litorale polesano possono venirci con sicurezza. Un piano attento, serio e tutti i balneatori hanno dimostrato grande serietà per garantire la sicurezza. I risultati di questi giorni sono il miglior auspicio".

Ricoveri. "Ci sono ancora 4 ricoveri anche se nel bollettino compare zero, perché sono negativizzati. La buona notizia quindi è che sono diventati tutti negativi al virus, ma non sono ancora guariti e restano ricoverati", spiega il direttore generale Antonio Compostella.

"Alcune settimane fa i numeri erano decisamente diversi - continua Compostella - Un risultato davvero importante. Grazie a tutti i nostri operatori che hanno lavorato nei reparti covid, grazie davvero per questi risultati. Prosegue l'attività di screening. Adesso partiamo anche con il campione polesano dello screening del ministero".

"Per quanto riguarda il personale dell'Ulss su 3mila dipendenti ci sono stati in totale solo 41 casi - continua - significa che hanno lavorato bene, in sicurezza sia per loro che nei confronti dei pazienti. Anche per quanto riguarda le case di riposo o le strutture residenziali abbiamo avuto pochi casi rispetto al resto della Regione. Anche qui, le case di riposo hanno lavorato con tanta attenzione. Abbiamo sin da subito cercato di fornire loro i dispositivi. Insomma non è un risultato frutto del caso. Per quanto riguarda gli operatori dei servizi essenziali abbiamo un solo caso, di marzo. Conferma che il virus non sta circolando".

Tamponi. Ad oggi ne sono stati eseguiti 28mila 487.

Dall'inizio dell'epidemia sono risultati positivi 449 polesani, 35 di questi sono in isolamento domiciliare, 34 decessi, 4 ricoveri e 380 guariti. In isolamento domiciliare precauzionale ci sono 113 polesani. "L'isolamento è stato uno dei nostri fattori vincenti - ha detto il direttore generale - Un grande impegno intrapreso dal servizio igiene. Che ha portato a isolare tutti i contatti ed evitare ciò che invece è successo in Lombardia". 

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl