you reporter

LA COMMEMORAZIONE

Il Polesine ricorda il suo martire. Gaffeo: "Perché non sia morto invano"

Cerimonia per i 96 anni dell'assassinio di Giacomo Matteotti. Una corona davanti al monumento a lui dedicato

Si è tenuta oggi la commemorazione dell'assassinio di Giacomo Matteotti, avvenuto il 10 giugno del 1924. Una cerimonia contenuta e breve per le limitazioni dettate dall'emergenza Covid-19, ma comunque partecipata e sentita.

In occasione del 96° anniversario del martirio del deputato socialista, l'associazione “Giacomo Matteotti”, Fondazione Banca del Monte e Archivio di Stato, hanno organizzato un  momento di raccoglimento con la deposizione di una corona davanti al monumento dedicato al parlamentare nato a Fratta Polesine. 

Erano presenti numerosi sindaci del Polesine e anche il sindaco di Rovigo Edoardo Gaffeo. "Le idee di Matteotti sono assolutamente attuali. Abbiamo il dovere di fare in modo che il sacrificio della sua vita , rimanga costantemente presente nel nostro agire quotidiano. Stiamo attraversando un momento molto delicato per tutti. Un momento in cui bisogna tenere alta l'attenzione. Ci sono segnali di tensione sociale e anche di natura razziale, che vanno tenuti sotto controllo, perché Rovigo è una città accogliente, tollerante, che si mette a disposizione di tutta la sua comunità, indipendentemente dalla provenienza. Credo questa sia la giornata giusta per ribadire l'importanza del lavoro sul sociale che tutti noi stiamo facendo".

 

 

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl