Cerca

CORONAVIRUS IN VENETO

Il Veneto si prepara per la seconda ondata: "Il problema sarà distinguere tra influenzati e covid positivi"

Il piano sanitario sarà pronto entro il 15 luglio. Lo annuncia il presidente della Regione

Assembramento e caos per i tamponi. Compostella: “Orari non rispettati, mai più”

"Posso solo dire che abbiamo chiesto agli esperti di realizzare un piano per la fase 4 con lo schieramento dell'artiglieria pesante. Sarà una fase complicata. Se non avessimo il Covd 19 avremmo comunque l'influenza. Quindi immaginate tutte quelle persone che avranno due linee di febbre e penseranno di avere il coronavirus", lo ha detto il presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia.

"Quindi dovremmo subito attivare la diagnostica per dividere che ha il coronavirus. Stiamo scrivendo un piano ad hoc. L'elemento fondamentale è la diagnostica. E' ormai innegabile che l'evoluzione da qui a ottobre dei test diagnostici ci catapulteranno in un'era diversa da quella di oggi. Il piano sarà pronto entro il 15 luglio".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy