you reporter

LA TRAGEDIA

"Addio Stefano, il nostro orgoglio"

In centinaia ai funerali del giovane motociclista, celebrati dal vescovo Tessarollo. Gli amici hanno accompagnato il feretro in moto

Sono arrivati in centinaia, per l’addio a Stefano Trovò, il 20enne di Cavarzere morto nella serata di venerdì, ad Adria, in un incidente di moto. Hanno affollato il campo dei Padri Canossiani, da ben prima dell’inizio della cerimonia funebre, per l’addio a un ragazzo conosciuto e amatissimo. Una atmosfera di dolore, pesantissima, ma anche la fiducia di ritrovarsi, quando sarà il momento. “Ci sono due momenti qui ora: il momento dell'addio e momento dell'arrivederci”, ha infatti voluto ribadire il sacerdote, nel corso della cerimonia funebre celebrata dal vescovo di Chioggia, Adriano Tessarollo.

Il feretro è arrivato scortato dalle moto dei tanti amici di Stefano, che con lui condividevano questa passione e che hanno poi voluto salutarlo a modo loro, sgasando. Poi, un lungo applauso. “Ricordiamo Stefano per il suo entusiasmo, per la sua grande cordialità e per il suo genuino attaccamento alla famiglia”, hanno pregato, tutti assieme, i fedeli.

Poi, il toccante messaggio dei genitori, consegnato dal sacerdote, che lo ha letto. “È difficile separarci da te, ma ora sappiamo che sei accanto a tuo fratello, Gesù. Siamo orgogliosi di te e di tutto ciò che hai realizzato nella tua vita, dai risultati scolastici al tuo inserimento nel mondo del lavoro. Ora guidaci da lassù e aiutaci ad affrontare questa vita senza di te. Tu e tuo fratello Sandro siete le nostre perle più preziose”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Amazon continua a cercare lavoratori
CASTELGUGLIELMO E SAN BELLINO

Amazon continua a cercare lavoratori

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl