you reporter

METEO ROVIGO

Maltempo, la conta dei danni in Altopolesine

Sono bastati pochi minuti di vento e tempesta per creare ingenti danni a Salara, Gaiba e Ficarolo

E’ stata questione di pochi minuti; meno di una mezzora. Tanto è bastato al forte vento che si è abbattuto sull’altopolesine nel tardo pomeriggio di sabato, per mettere in fila una serie di danni, fortunatamente non alle persone. A Salara, a farne le spese è stata la tensostruttura della Proloco, utilizzata per il Centro Estivo e gli anni scorsi per le sagre che, nonostante fosse saldamente ancorata al terreno, è praticamente volata sul tetto della vicina struttura. Sempre a Salara il vento, aiutato dalla grandine, ha letteralmente distrutto garage in lamiere, divelto tendoni, piante, fiori e molto altro. Anche a Stienta il vento si è fatto sentire bene, tanto che è stato necessario l’intervento della Protezione Civile a causa della caduta di un grosso albero in via Maffei, proprio di fronte alle scuole medie.

Per quanto riguarda Gaiba, è stato lo stesso sindaco Nicola Zanca ad aggiornare i concittadini sui danni provocati dal nubifragio. “Nella serata di sabato e nella mattinata di domenica, abbiamo tamponato le emergenze in primis sulla rete elettrica locale che ha provocato un black out di alcune ore, rilevato le criticità presenti sul territorio comunale, e segnalato alle autorità competenti i danni riscontrati, grazie alla collaborazione fattiva e tempestiva con la Prefettura di Rovigo, i Vigili del Fuoco, le squadre di tecnici Enel, i volontari dell'88 Nucleo di Protezione Civile - ANC ed i responsabili Telecom di area – spiega il primo cittadino - Alcuni sostegni della rete telefonica risultano danneggiati soprattutto in Via Tommaselle e Via Argine Valle. Ci sono danni ai tetti delle abitazioni, veicoli danneggiati dalla caduta di rami, coperture di piccoli magazzini compromesse, danni ai raccolti a causa della grandine, cartelli della segnalatica verticale danneggiati o compromessi, tratti di recinzioni perimetrali abbattuti, alberi spezzati in proprietà private e nei parchi pubblici ed altri ancora sradicati. Si raccomanda di percorrere con cautela via Surchio - incrocio via Provinciale al confine con Stienta ove sono presenti alcune transenne a circoscrivere l'area di recinzione con siepe danneggiata sulla carreggiata. Non ci risultano danni a persone ed animali. Purtroppo gli effetti del cambiamento climatico, con l'inflazione di eventi atmosferici estremi e di intensità maggiore colpiscono anche il nostro territorio. Serve una riflessione profonda a tutti i livelli della nostra società e con le istituzioni, attuando misure concrete ed imponenti di mitigazione ed adattamento ai cambiamenti climatici”.

Quasi un commiato, invece, quello che il sindaco di Ficarolo Fabiano Pigaiani affida ad un post su Facebook per annunciare la caduta della secolare quercia alla quale i residenti sono molto affezionati. “La Natura contro la Natura -  scrive Pigaiani - Il  forte temporale che ha colpito il nostro paese in pochi minuti, dalle 17:45 alle 18:00, ha spazzato via diversi testimoni del nostro territorio, in particolare la ‘nostra’ secolare Quercia Monumentale di via Roma è stata completamente spezzata da una forza più grande che ha letteralmente inginocchiato il maestoso albero già gravemente ammalato. Le forti folate di vento unite alla pioggia hanno cancellando parte del patrimonio e della storia Ficarolese”, continua amaramente il primo cittadino.  

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl