you reporter

RITORNO A SCUOLA

Col coronavirus la mensa per i bimbi è più cara

Doposcuola spostato per recuperare spazi per il distanziamento. Difficoltà per i pasti

Col coronavirus la mensa per i bimbi è più cara

Continua il confronto tra amministrazione comunale e dirigenza scolastica in vista dell'attesa riapertura di settembre e del ritorno in classe. A poco più di un mese dalla ripresa delle lezioni scolastiche, fervono i preparativi per un ritorno tra i banchi in tutta sicurezza.

Per questo motivo, nelle ultime settimane, gli esponenti della giunta comunale guidata dal sindaco Giovanni Rossi e il dirigente scolastico Amos Golinelli si sono più volte confrontati per cercare di organizzare una ripartenza che tenga conto delle nuove disposizioni in materia di contenimento del covid, garantendo così la sicurezza di alunni, docenti e personale scolastico.

Uno degli aspetti su cui istituti scolastici e amministrazioni comunali si sono trovati a fare i conti è certamente quello della ricerca di nuovi spazi per consentire un maggior distanziamento in classe, ed è proprio per avere maggiore “margine” in relazione a questo argomento che si preannunciano le prime novità per quanto riguarda il ritorno tra i banchi degli studenti badiesi.

Infatti, il doposcuola della primaria, da anni ubicato in alcune aule al piano terra del plesso scolastico di piazza Marconi, sembra destinato a spostarsi nei locali dove fino a poche settimane fa si trovava la biblioteca civica Bronziero, in via Don Minzoni, a soli pochi passi dalla sede della scuola.

“Alla primaria – anticipa l’assessore all’Istruzione Valeria Targa – il doposcuola utilizza tre aule e quegli spazi potrebbero essere utili per gli alunni. La soluzione, dunque, può essere quella di spostare le attività nella ex biblioteca, uno spazio che può essere adatto”. La soluzione, che non necessiterebbe di particolari interventi, sarebbe già allo studio ed alcuni sopralluoghi sono già stati condotti.

Problemi relativi al trasporto scolastico, invece, non dovrebbero essercene, mentre una serie di valutazioni restano da fare per quanto riguarda il servizio mensa. Garantire una fruizione in sicurezza dei pasti nell'area attualmente adibita a mensa potrebbe essere difficile. Per questo, si sta valutando una possibile doppia turnazione degli alunni, o ancora la consumazione del pasto in classe. Entrambe le opzioni, in ogni caso, comportano dei costi aggiuntivi.

Confermato infine lo “spostamento” del dirigente scolastico dell’istituto comprensivo Amos Golinelli all’istituto superiore Primo Levi, che fino allo scorso anno scolastico era guidato da Piero Bassani, ora in pensione. La persona che sostituirà Golinelli è ancora da annunciare, anche se per il primo anno scolastico avrà in carico anche le scuole dell’istituto comprensivo di Trecenta.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl