you reporter

CORONAVIRUS IN ITALIA

Il lockdown ha diminuito tutti i reati tranne uno: la violenza sulle donne

Ecco i dati presentati dal Viminale: aumentati i femminicidi

“Stuprata mentre sta male” l’amico affronterà il processo

Il lockdown non è stato facile per tutti gli italiani. E non lo è stato in particolar modo per le donne. Lo confermano gli ultimi dati del Viminale presentati in occasione della tradizionale conferenza stampa di Ferragosto. Se dal 1 agosto 2018 al 31 luglio 2019 sono diminuiti i reati di ogni specie (tranne quelli informatici, aumentati del 20%) – come ha sottolineato la ministra dell’Interno Luciana Lamorgese – il 70% dei 149 omicidi commessi in ambito familiare ha avuto donne come vittime: un valore che è arrivato a 75,9% durante il periodo di lockdown.

Si tratta di una realtà più volete denunciata, anche nel primo mese del lockdown, da diverse associazioni, come Donne in Rete (la rete dei centri antiviolenza), che proprio a marzo ha registrato una crescita esponenziale rispetto all’anno precedente (+74%). Anche l‘Organizzazione delle Nazioni Unite ha voluto lanciare l’allarme – globale, perché non si tratta di un fenomeno soltanto italiano – esprimendo preoccupazione anche per il gran numero di episodi che restavano nell’ombra.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl