you reporter

CORONAVIRUS IN POLESINE

C'è un nuovo caso: è un 57enne, ricoverato in ospedale

Sale a 68 il numero degli attualmente positivi nella provincia di Rovigo. L'uomo, straniero, non è grave

Coronavirus, c'è un primo caso di contagio anche a Chioggia

"C'è una continua presenza di nuovi casi con una curva che dalla metà di luglio ha ripreso ad innalzarsi. E' una situazione preoccupante ma non allarmante. Conosciamo l'origine di questi casi di positività. Abbiamo tre situazioni: la principale è indubbiamente rappresentata dalla vita sociale, cene, convivialità, feste e si lega al fatto che la maggior parte sono ragazzi giovani, molto giovani. Questa è la situazione prevalente per quanto riguarda la genesi dei casi in Polesine. Vi cito degli esempi. Una persona che nella sua vita sociale molto intensa ne ha provocati altri 13 di positivi, perché non sapeva di esserlo. Altro esempio un ragazzo giovane positivo ha portato altri 10 casi tra la fidanzatina e le famiglie. Diventa inevitabile soprattutto se nelle situazioni di convivialità si allentano le misure di sicurezza, come ad esempio a tavola. L'altra linea di genesi di positività è il rientro dalle vacanze per fortuna da noi su 621 persone rientrate da Spagna, Grecia, Malta, Croazia sono tutti negativi, perché i ragazzi risultati positivi di rientro da Malta avevano fatto il test prima che lo screening fosse obbligatorio. Il terzo filone sono lavoratori stagionali, badanti, stranieri. Fino ad ora sono solo due", lo spiega il direttore generale dell'Ulss 5 Polesana, Antonio Compostella facendo il punto della situazione sul contagio in Polesine.

"Lo stress test per il sistema sarà la ripresa delle scuole. E' chiaro che non possiamo in un paese civile tenere chiuse le scuole, ma sarà un momento importante e a rischio perché avremmo una massa di persone riversate nello stesso posto - continua Compostella - Stiamo attendendo altre indicazioni per la scuola stiamo analizzando e valutando. Venerdì ci sarà la conferenza dei sindaci con la rappresentate regionale della scuola, la dottoressa Palumbo. I tamponi rapidi hanno una affidabilità molto alta anche se dopo serve comunque la formale risposta del tampone molecolare ma permettono in tempi rapidi di gestire la situazione - spiega il dg dell'Ulss polesana - Abbiamo una serie di strumenti ora che ci permettono di dare risposte rapide e ridurre al minimo i rischi legati alla diffusione del contagio a scuola".

"Per quanto riguarda il bollettino continua l'andamento estremamente positivo delle nostre case di riposo che restano a zero casi - spiega Compostella - Avremmo le elezioni il 20 e 21 settembre e stiamo cercando di trovare un modo per far votare anche le persone in isolamento. Oggi ne abbiamo 464 in isolamento. Oggi abbiamo un caso nuovo, è una uomo del 63 residente a Rovigo, di nazionalità albanese. Era sintomatico, è stato ricoverato perché ha la febbre e sintomi e abbiamo ritenuto monitorarlo qui. Ma non è grave. Non è ancora noto il caso indice. Per capire dove l'abbia contratto. E' ricoverato in malattie infettive a Rovigo".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl