you reporter

CORONAVIRUS IN POLESINE

Scuola: al primo positivo isolamento per famiglia, compagni di classe e docenti

Illustrato il protocollo operativo per l'avvio delle lezioni

La buona notizia: i nostri medici e infermieri stanno bene. Tamponi negativi

Un tampone per coronavirus

Il direttore generale dell'Ulss 5 Antonio Compostella ha fatto il punto su quanto avverrà se, a scuola, si troverà un ragazzo positivo.

Se un bimbo, o comunque un ragazzo minore, dovesse apparire come sospetto positivo, verrà portato in una stanza, seguito da una o più persone, per il tempo strettamente necessario all'arrivo dei genitori. Poi, tornerà a casa e verrà avviata la trafila col pediatra, esattamente come se, in casa, al momento della misurazione della temperatura, questa risultasse anomala.

A prendere in carico il ragazzo sarà il referente Covid della scuola, che lo porterà in una stanza dedicata, per il tempo strettamente necessario all'arrivo dei genitori. Il pediatra, da parte, sua potrà effettuare in proprio il tampone, oppure avvisare il servizio Sisp dell'Ulss per farlo eseguire. Come si vede, nessun "sequestro" o "prelievo", come era stato paventato sui social.

Il tampone avverrà in maniera rapida, così da avere un riscontro entro una quindicina di minuti. Si tratta di uno strumento ad altissima affidabilità, ha spiegato il direttore generale dell'Ulss 5 Antonio Compostella. In caso di positività viene posto in isolamento in ragazzo, oltre alla sua famiglia, ma anche i compagni di classe del ragazzo. Allo stesso modo, verranno posti in isolamento gli insegnanti che quella mattina hanno frequentato quella classe.

La medesima procedura avverrà se, a risultare positivo, sarà un insegnante, tenendo presente che, in questo caso, l'isolamento potrà chiaramente scattare per più d una classe, qualora, nella giornata, il docente abbia fatto lezioni in più d'una, appunto.

"E' chiaro che uno studente che manifesti sintomatologia già a casa - ha spiegato Compostella - non dovrà essere mandato a scuola. La responsabilità della misurazione della temperatura, al mattino, è dei genitori. Se la temperatura sarà superiore ai 37,5°, scatterà la trafila del caso, avvisando il pediatra o il medico di base".

"Personalmente - ha spiegato Compostella - sono fiducioso e ritengo che un paese civile debba fare cominciare regolarmente le lezioni".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl