you reporter

ZOOMAFIA 2020

Traffico di cuccioli e combattimenti tra cani nel cuore del Delta

Gli allarmanti dati sullo sfruttamento illegale di animali ad opera della criminalità nel 2019 in Veneto

106299

Il Rapporto Zoomafia 2020, redatto da Ciro Troiano, criminologo e responsabile dell’Osservatorio Zoomafia della LAV, alla sua ventunesima edizione, analizza lo sfruttamento illegale di animali ad opera della criminalità nel 2019, e ha il patrocinio della Fondazione Antonino Caponnetto.

I dati delle Procure
L’Osservatorio Nazionale Zoomafia LAV ha chiesto alle Procure Ordinarie e a quelle presso i Tribunali per i Minorenni i dati relativi al numero totale dei procedimenti penali sopravvenuti nel 2019, sia noti che a carico di ignoti, e al numero di indagati per reati a danno di animali.  In particolare, per le Procure Ordinarie del Veneto questo il quadro che emerge:

Belluno: 16 procedimenti con 12 indagati per uccisione di animali; 15 procedimenti con 15 indagati per maltrattamento di animali, 8 procedimenti con 7 indagati per abbandono di animali o detenzione in condizioni incompatibili; 16 procedimenti con 14 indagati per reati venatori.
In totale nel 2019 sono stati registrati 55 procedimenti con 48 indagati. Rispetto al 2018 i procedimenti sono aumentati del +34% passando da 41 a 55, mentre il numero degli indagati è aumentato del +200% passando da 16 a 48.

Padova: 30 procedimenti e 3 indagati per uccisione di animali; 36 procedimenti e 28 indagati per maltrattamento di animali; 1 procedimento a carico di ignoti per spettacoli o manifestazioni vietate; 7 procedimenti e 1 indagato per uccisione di animali altrui; 16 procedimenti e 15 indagati per abbandono o detenzione di animali in condizioni incompatibili; 20 procedimenti e 22 indagati per reati venatori o relativi alla fauna selvatica.
In totale nel 2019 sono stati registrati 110 procedimenti con 69 indagati. Rispetto al 2018 i procedimenti sono diminuititi del -4% passando da 115 a 110, mentre il numero degli indagati è aumentato del +77% passando da 39 a 69.

Rovigo: 21 procedimenti e 8 indagati per uccisione di animali; 16 procedimenti e 13 indagati per maltrattamento di animali; 4 procedimenti e 2 indagati per uccisione di animali altrui; 7 procedimenti con 5 indagati per abbandono o detenzione di animali in condizioni incompatibili; 10 procedimenti e 9 indagati per reati venatori o relativi alla fauna selvatica.
In totale nel 2019 sono stati registrati 58 procedimenti con 37 indagati. Rispetto al 2018 i procedimenti sono aumentati del +16% passando da 50 a 58, mentre il numero degli indagati è aumentato del +19% passando da 31 a 37.

Treviso: 27 procedimenti con 3 indagati per uccisione di animali; 30 procedimenti e 11 indagati per maltrattamento di animali; 3 procedimenti con 2 indagati per uccisione di animali altrui; 11 procedimenti con 7 indagati per abbandono o detenzione di animali in condizioni incompatibili; 17 procedimenti e 18 indagati per reati venatori o relativi alla fauna selvatica.
In totale nel 2019 sono stati registrati 88 procedimenti con 41 indagati. Rispetto al 2018 i procedimenti sono diminuiti del -33% passando da 132 a 88, mentre il numero degli indagati è diminuito del -47% passando da 78 a 41.

Venezia: Non sono pervenuti i dati da parte della Procura di Venezia.

Verona: 71 procedimenti con 9 indagati per uccisione di animali; 41 procedimenti e 29 indagati per maltrattamento di animali; 6 procedimenti con 3 indagati per uccisione di animali altrui; 48 procedimenti con 30 indagati per abbandono o detenzione di animali in condizioni incompatibili; 16 procedimenti e 15 indagati per reati venatori o relativi alla fauna selvatica.
In totale nel 2019 sono stati registrati 182 procedimenti con 86 indagati. Rispetto al 2018 i procedimenti sono aumentati dell’8% passando da 169 a 182, mentre il numero degli indagati è aumentato del +4% passando da 83 a 86.

Vicenza: Non sono pervenuti i dati da parte della Procura di Vicenza.

Proiettando la media dei dati pervenuti su scala regionale, si può stabilire che nel 2019 sono stati registrati circa 690 fascicoli (circa il 7,27 % di quelli nazionali), con un tasso di 14,06 procedimenti ogni 100.000 abitanti; e circa 390 indagati (circa il 6,67% di quelli nazionali), con un tasso di 7,94 indagati ogni 100.000 abitanti.

"Nella regione sono stati registrati, negli ultimi anni, tutti i reati analizzati dalla nostra ricerca - dichiara Ciro Troiano - Tra i delitti riscontrati, vanno segnalati i combattimenti tra animali e il traffico di cuccioli. Suscita particolare attenzione il bracconaggio organizzato, infatti nel Veneto sono stati individuati due “blackspot”, ovvero zone dove il fenomeno è particolarmente allarmante: le Prealpi e il delta del Po. Va segnalato il traffico di fauna selvatica catturata illegalmente e inanellata con falsi sigilli. Accertata anche la vendita clandestina di fauna morta destinata alla vendita a scopo alimentare. Desta molta preoccupazione anche la pesca di frodo ad opera di gruppi organizzati che mettono in pericolo l’ittiofauna. Ovviamente i dati analizzati sono relativi a tutti i reati a danno di animali e non solo a quelli attribuibili ad organizzazioni criminali. Anzi, proprio le forme di maltrattamento di animali comuni rappresentano la maggioranza dei casi e non devono essere sottovalutate: la violenza a danno di animali è sempre grave, anche quella perpetrata nella quotidianità da parte di singoli", conclude Troiano.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl