you reporter

IL CASO

Amazon licenzia il magazziniere costretto a vivere in camper davanti allo stabilimento

Il racconto dell'uomo: "Penalizzato perché ho raccontato la mia storia"

Iniziativa Amazon: 2,5% degli incassi donati alle scuole del territorio

Lo stabilimento di Amazon di San Bellino

Massimo Straccini, 58 anni, abitava nel parcheggio dello stabilimento di Rovigo perché non aveva le garanzie necessarie per ottenere un affitto: "Mai criticato l'azienda, ma il precariato", eppure a lui il contratto non glielo hanno rinnovato. "Vi prego datemi un lavoro, vorrei solo un po' di stabilità". E' l'appello disperato raccolto da La Repubblica

E' la storia del magazziniere di Amazon costretto a vivere nel parcheggio dello stabilimento di San Bellino perché, con il suo contratto di lavoro, non aveva le garanzie per ottenere un alloggio in affitto. E adesso è di nuovo disoccupato. Il contatto è scaduto e lui non è stato rinnovato. "Nella mia squadra sono l'unico a cui non l'hanno rinnovato - racconta a Repubblica - Temo di essere stato penalizzato perché ho raccontato la mia storia", dice rassegnato. 

"Non dico che sia stato una ritorsione - continua l'ex magazziniere - ci tengo solo a specificare che non ho mai criticato l’azienda che mi dava lavoro. Inoltre, non ero certo uno scansafatiche. Adesso vorrei lavorare ma so che non sarà facile a 58 anni. Anzi, ne approfitto per lanciare un appello: vi prego, datemi un lavoro. Vorrei soltanto trovare un po’ di stabilità".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 5
  • Rovigotto90

    10 Gennaio 2021 - 14:02

    Attenti alle parole anche voi che scrivete gli articoli.. intanto non si tratta di un licenziamento ma di un mancato rinnovo.. e comunque visto che tutti si lamentano non avete riportato la parte che l’ultimo mese a fronte di un lavoro si 157h (potremmo dire che non sono neanche 40h settimanali) il suo stipendio è stato di 1770euro! C’è gente che da molti anni lavora nella stessa azienda fa molte più ore e prende molto meno.. e magari il lavoro è più pesante e non automatizzato... impariamo a dare il giusto peso alle parole! Che poi sia ingiusto il modo in cui si è trovato senza lavoro nessuno lo mette in dubbio..

    Rispondi

    • Cosenz96

      10 Gennaio 2021 - 15:03

      Automatizzato sta minchia solo sei sei un RMA eri dove il lavoro pesante lo facevano i robot di certo non è il suo caso e 1700 si grazie al cazzo tra straordinari e giorni festivi dove era il lavoratore a decidere se andare o meno e sopratutto il tfr diretto in busta paga la rende alta senza contare il tutto sotto agenzia con rinnovi di 3 settimane manco da un mese.

      Rispondi

      • Rovigotto90

        10 Gennaio 2021 - 15:03

        Vai a leggerti l’articolo che ha fatto a Repubblica.. aveva contratto trimestrale e lavorava a caricare i pacchi nei box automatici..

        Rispondi

        • Cosenz96

          11 Gennaio 2021 - 03:03

          Sono andato a vedermi l'articolo il suo ruolo era persino peggio del mio e forse pure il contratto col mog lavoravi di più ma non sapevo mai quando gli orari te li dicevano all'ultimo e sopratutto io ero in magazzino Outbound (di uscita) lui era al piano sopra ad un uomo di 58 anni metterlo a correre avanti e indietro a mettere gli oggetti non significa che stesse fermo ad aspettare gli scaffali

          Rispondi

        • Cosenz96

          11 Gennaio 2021 - 03:03

          Te lo dice uno che è stato lasciato a casa il 19 dicembre dopo un rinnovo di 3 settimane a seguito di un mese e per la fine del picco lavorativo non per altro. Se vogliamo metterci in conto che mio padre ha fatto un infarto 2 settimane prima se ho passato il natale con un sorriso è solo perché grazie a dio o chi per sé ho trovato un altra azienda che mi ha assunto il 23 e mio padre è in salute.

          Rispondi

GLI SPECIALI

speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune
speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl