you reporter

CORONAVIRUS IN POLESINE

Il contagio rialza la testa. "Sta a noi far durare la tregua"

L'Ulss 5 analizza la situazione in provincia

Compostella

Il direttore generale dell'Ulss 5 Antonio Compostella

12/02/2021 - 11:38

Prosegue la lenta ripresa del contagio da coronavirus in Polesine. Un andamento ancora non allarmante, ma che appare ormai consolidato da vari giorni. Particolarmente significativo la oscillazione della incidenza, ossia della percentuale di persone che vengono trovate positive sul totale dei tamponi che vengono eseguiti. Se una decina di giorni fa si era sotto il 2%, a oggi si registra il 3,1%. 

"Lo ripeto - spiega il direttore generale dell'Ulss 5 Antonio Compostella - siamo in presenza di una tregua, non abbiamo ancora debellato il virus. Far durare il più possibile questa tregua, adottando comportamenti responsabili e seguendo le disposizioni di legge. Rinnovo quindi l'appello ad adottare comportamenti corretti".

I ricoveri. Al momento sono 8 in malattie infettive a Rovigo, 1 in Terapia intensiva a Rovigo, in isolamento, 53 in Area medica e semintensiva a Trecenta, 8 in Terapia intensiva a Trecenta. Il totale rimane quindi stabile a quota 70. "Un numero ancora importante - fa presente il direttore generale dell'azienda sanitaria del Polesine - che dimostra come non si sia ancora assolutamente fuori dalla emergenza sanitaria". In ogni caso, il dimezzamento, rispetto al dato di alcune settimane fa, del numero di ricoverati nei reparti di Terapia intensiva ha consentito di liberare anestesisti e di riprendere l'erogazione di attività chirurgica. "In ogni caso - ribadisce Compostella - con 70 persone ricoverate col Covid, non possiamo pensare che si torni alla piena normalità nei reparti. Trecenta, in particolare, rimane Covid hospital".

Case di riposo. Appare ormai imminente la completa negativizzazione in tutte le strutture. A oggi, in tutto il Polesine, abbiamo unicamente una ventina di positivi, tra ospiti e operatori.

Vaccini. A oggi siamo a quota 8.038 prime dosi e di 7360 seconde dosi, ossia 7360 persone del tutto immunizzate. Due dati molto simili, dal momento che, complice la riduzione nell'arrivo di nuove dosi, rispetto alle previsioni iniziali, l'andamento della somministrazione di prime dosi appare rallentato. Comunque conclusa la campagna di immunizzazione nelle case di riposo. "Il tema fondamentale - spiega il direttore generale dell'Ulss 5 - è quello della disponibilità del vaccino, che è un tema di livello nazionale e internazionale. Purtroppo è vero: i vaccini arrivano in quantità insufficiente a coprire in tempi relativamente brevi la immunizzazione in tempi brevi della popolazione bersaglio".

La campagna di vaccinazione di massa. Ora si sta completando la vaccinazione degli operatori sanitari. Parte - sempre secondo un programma definito a livello ministeriale, che dipende però dalla disponibilità di vaccino - la campagna di vaccinazione di massa della popolazione, con la "chiamata" per prima della classe del 1941, per poi andare a salire con l'età, con le classi '40, '39 e via dicendo. 

"Dovrebbe partire - prosegue il direttore generale dell'Ulss 5 - con tutti i condizionali del caso, legati all'arrivo delle dosi, la campagna di vaccinazione degli insegnanti e le categorie essenziali, come le forze dell'ordine". Si prevede, per queste categorie, abbastanza giovani, il vaccino Astrazeneca, indicato come ottimale per persone sotto i 55 anni. "Non è vero che Astrazeneca è un vaccino inadeguato - spiega Compostella - E' un vaccino che ha superato tutte le fasi di test. Per persone anziane ha una efficacia ridotta rispetto a Pfizer e Moderna, mentre mostra una maggiore efficacia nelle persone sotto i 55 anni".

Reazioni negative al vaccino. A oggi, su 7360 seconde dosi e 8038 prime dosi - recitano i dati dell'Ulss 5 - si registrano 90 reazioni avverse. "Stiamo parlando - spiega Compostella - di reazioni molto modeste, dal prurito alle reazioni più serie, che al massimo hanno portato a manifestazioni febbrili per 24 o 36 ore al massimo".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


GLI SPECIALI

Tesori. Alla scoperta del territorio tra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl