you reporter

Cinque ristoranti del gusto veneto <br/> a Expo 2015 con prodotti di nicchia

Esposizione Universale

commisione[1].JPG

La commissione

Cinque piatti, in rappresentanza di altrettanti ristoranti, sui tredici in concorso, sono stati selezionati per rappresentare ad Expo 2015, il gusto veneto ed i prodotti d’eccellenza legati al territorio.
L’appuntamento è per lunedì 5 ottobre, nell’ambito della giornata della Cia (Confederazione Italiana Agricoltori) di Rovigo che rientra nella settimana della Regione Veneto all’esposizione mondiale di Milano e dove, inoltre, sarà consegnato alla presenza dell’assessore regionale Cristiano Corazzari la brochure con l’elenco completo dei ristoranti ed i relativi piatti.


I ristoranti scelti sono: Osteria Arcadia di Santa Giulia di Porto Tolle (con il piatto: pappardelle con le cozze Dop di Scardovari, verdure dell’orto del Delta del Po e le spezie orientali), ristorantino hotel Petrarca di Boara Pisani (piccione veneto alla curcuma indiana), ristorante Allo Scalo di Adria (branzino del Delta con la souza tequila blanco e il chili), ristorante Al Pioppeto di Romano d’Ezzelino (carpaccio di carne basaninaa di Bassano con spezie e profumi argentini) e ristorante Sale&Pepe di Villadose (petto di pollo veneto marinato con paprika e padellato con macedonia di frutta esotica)


Non è stato facile il lavoro di selezione dei piatti della giuria presieduta da Renato Malaman, giornalista enogastronomico, ispettore della guida Ristoranti d’Italia de L’Espresso, redattore de Il Mattino di Padova dove cura il blog Salsa&Merende, e composta da: Luana Deiana di Vino&Cibo, Antonio Impedovo direttore del Centro Commerciale Il Porto di Adria, gourmet che collabora con diverse guide enogastronomiche, Daniele Tecchiati, responsabile eventi e ristoratori Gusto Veneto - Piatto Expo e da Donato Sinigaglia, ideatore e coordinatore del concorso gastronomico, giornalista, consigliere nazionale Unaga.


Selettivi i criteri di valutazione seguiti dalla giuria: originalità della ricetta proposta, legame del piatto con i prodotti del territorio e loro abbinamento con sapori e profumi dei paesi presenti ad Expo 2015, cromaticità e gusto. Una valutazione da 1 a 5, che ha comportato un’attenta disamina del lavoro creativo fatto dagli chef nell’ideazione del piatto.

La commissione ha tenuto soprattutto conto dell’impegno del ristoratore nell’ideare un piatto originale, innovativo anche nell’utilizzo di spezie non comuni nella tradizione culinaria veneta.


“Il concorso - ha commentato il presidente Renato Malaman - ha riservato non poche sorprese, soprattutto per l’affacciarsi nel difficile e smaliziato mondo della ristorazione di chef giovani e motivati, in grado di continuare la cucina di tradizione ma aprendosi, senza alterare i gusti, a nuovi ingredienti, provenienti da Paesi lontani”.

Ma il concorso ha raggiunto anche un altro obiettivo importante: creare un ulteriore stimolo per la riscoperta delle tipicità del territorio.


Ex equo per gli altri nove ristoranti in gara: Aurora di Ca’ Dolfin (orata del Delta alla curcuma e wasabi), ristorante Locanda Valmolin (spigola del Delta, marinata in birra Ipa su battuta di avocado), ristorante Molo 45 di Adria (tartare di tonno dell’Adriatico con salsa al chili tabasco), trattoria da Nadae di Villadose (sarde venete in saor con il sale dell’Everest), ristorante hotel cappello di Rosolina (manzacolle dell’Adriatico con rum cuano Avana 7), ristorante Al Viandante di Ceregnano (gamberoni argentini al curry con pancetta polesana croccante), tavernetta Dante di Rovigo (tagliata d’anatra veneta speziata al Garam Masala), trattoria Al Ponte di Lusia (risotto Igp del Delta in tavolozza con pepe nero dello Sichuan), ristorante Villa Momi’s di Cavarzere (catalana con verdure degli orti veneto ai sapori del Costarica). A tutti verrà consegnato un attestato di partecipazione.


Il successo di Gusto Veneto-Expo 2015 è dovuto anche al supporto di numerosi sponsor: Cantina Ponte di Ponte di Piave (Treviso), Cantina Dama del Rovere di Monteforte d’Alpone (Verona) per i vini; il prosciuttificio Soranzo di Montagnana , il Prosciuttificio Bedogni di Langhirano (Parma), Pasticceria “Ai Frati” di Rovigo, Gran Carni Group Astolfi di Stanghella (Padova), Borgo Scuro di Licio Maschio (Treviso) distributore di distillati, Carave di Reggio Calabria uno dei principali produttori di olio extravergine di oliva, Filippo Rizzato per la rappresentanza di vini veneti e prodotti agroalimentari, il Centro Commerciale “Il Porto” di Adria e lo Studio Se.Co. di Lendinara, consulenze aziendali.


Media partner del progetto, il nostro giornale, “La Voce di Rovigo”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl