you reporter

Veneto

Sigilli alla spiaggia "fascista" di Punta Canna

Il chiosco dello stabilimento di Sottomarina sotto sequestro per abuso edilizio

Sigilli alla spiaggia "fascista" di Punta Canna

Sigilli alla spiaggia "fascista" di Punta Canna a Sottomarina. Lo stabilimento balneare chioggiotto è stato messo sotto sequestro dai carabinieri della Forestale di Mestre per abuso edilizio. Il bar-stabilimento era finito al centro delle polemiche la scorsa estate per via dell'affissione, nello stabilimento stesso, di cartelli e fotografie che ricordavano il periodo fascista. 

Martedì scorso i militari di Mestre, su disposizione della procura di Venezia, hanno posto i sigilli, secondo l'ipotesi investigativa, infatti il chiosco bar è stato realizzato in un'area di spiaggia che doveva rimanere libera perché esterna agli spazi dati in concessione dal comune di Chioggia. Oltre al chiosco-bar sono stati sequestrati anche un magazzino e altre strutture. Tre le persone denunciate.

Nei mesi scorsi le indagini per apologia del fascismo erano state archiviate.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali: Turatti Group
Speciali: Sagra del pesce di Chioggia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl