you reporter

rovigo

Massacra a bottigliate l'amico, riprende tutto e fa girare il video

In carcere a Rovigo un 24enne marocchino che ha picchiato a sangue e rapinato un 54enne italiano nella sua casa di Chioggia e ha girato un video che, una volta in rete, ha permesso di identificarlo

Massacra a bottigliate l'amico, riprende tutto e fa girare il video

Si è fatto un selfie, e pure un video mentre rapina e poi massacra e rapina un amico. Il video, è diventato virale per le condivisioni su whatsapp, ed è stato anche la sua fine, perché ha permesso ai carabinieri di individuarlo ed arrestarlo.

Protagonista un marocchino di 24 anni, K.I che durante una vista ad un conoscente di Chioggia, un 54enne del paese, lo ha letteralmente sequestrato in casa, lo ha massacrato a pugni e bottigliate fino a farlo svenire prima di scappare con la refurtiva: pochi euro e un cellulare.

Poi si era allontanato dalla costa e aveva trovato rifugio in una vecchia casa abbandonata nella zona di Solesino, nella bassa padovana.

A rompere il muro del silenzio che lo proteggeva è stata una donna di Solesino, che ha consegnato ai carabinieri un video agghiacciante, ricevuto via Whatsapp da un conoscente, con tutte le scene del pestaggio.

Dopo una serie di indagini e riscontri i militari sono arrivati ad identificare lo straniero e lo hanno fermato mentre cercava di salire su un autobus. Nel casolare aveva una pistola giocattolo priva del tappo rosso.

Al momento del fermo l'uomo aveva infatti un biglietto per Verona che, insieme ai numerosi precedenti e sommato alla gravità della rapina, ha fatto aprire per lui le porte del carcere di Rovigo.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune
speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl