you reporter

Ambiente

Piano antismog: in Polesine 24mila auto rischiano lo stop

I provvedimenti partiranno dall'1 ottobre, e prevedono una stretta in caso di sforamento dei limiti si smog nell'aria per oltre 4 giorni consecutivi

Fiab No allo Smog 20

Fiab No allo Smog 1

Partirà in anticipo rispetto allo scorso anno e sarà... durissimo.

Il Piano antismog messo a punto dal Comitato regionale di tutela e risanamento dell’atmosfera, e rivolto alle città capoluogo di provincia e ai comuni con più di 30mila abitanti (in Polesine la sola Rovigo) si preannuncia "lacrime e sangue".

E il primo ottobre - data indicata per l'inizio dei divieto in caso di sforamento delle soglie di Pm10 otre il limite dei 35 ammessi dalla normativa (praticamente certe) - è dietro l'angolo. I provvedimenti, inoltre, saranno in crecsendo. Ad esempio in caso di quattro giornate consecutive oltre il limite dei 50 microgrammi di Pm10 per metro cubo d'aria (cosa che in inverno succede con una certa frequenza), i divieti potrebbero diventare molto "importanti".

Potrebbero, perché poi ad ogni comune è lasciata libertà di azione e di messa in campo delle iniziative antismog.

Sulla carta, dunque, in caso di inquinamento forte e prolungato  è previsto lo stop alla circolazione, dalle 8.30 alle 18, dei veicoli a benzina Euro 0 ed Euro 1, e dei diesel fino ad Euro 4 (compresi anche molti veicoli commerciali, per i quali comunque arriverebbe una deroga).

Per la cronaca le auto "a rischio stop", fra quelle immatricolate in Polesine, sarebbero poco meno di 24mila, a cui aggiungere eventualmente i mezzi commerciali.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune
speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl