you reporter

Pluralismo

Tagli all'editoria: "Una norma vigliacca, intervenga Mattarella"

L'intervento in aula del senatore Massimo Ruspandini (FdI): "Una norma incostituzionale che taglia le gambe ai veri imprenditori, distruggendo un sistema sano, virtuoso e strategico per tantissime province italiane". 

Tagli all'editoria: "Una norma vigliacca, intervenga Mattarella"

Massimo Ruspandini durante il suo intervento al Senato

21/12/2018 - 16:36

E' un attacco frontale al governo quello del senatore di Fratelli d'Italia, Massimo Ruspandini, nel corso del suo intervento in Aula sulla legge di Bilancio.E in particolare sul taglio dei fondi per il pluralismo.

"Mi appello al presidente della Repubblica, affinché blocchi la norma incostituzionale contenuta in questa manovra che taglia i fondi all'editoria che colpirà oltre 150 aziende che danno lavoro a migliaia di giornalisti, editano mensili e settimanali, senza considerare l'indotto e la ricaduta sui territori. È una norma vigliacca, di cui nessuno conosce il contenuto, introdotta senza alcuna discussione e confronto e senza la possibilità di essere modificata, che mette in discussione il pluralismo stesso dell'informazione, principio cardine della nostra Costituzione.

Spariranno quei quotidiani locali, avamposti di libertà e di giustizia, che danno voce ai territori. Il tutto in nome del mondialismo e delle grandi testate social come Facebook e Google, che solo in parte saranno colpite dalla web tax.

Qui si doveva agire per reperire i fondi necessari ad una manovra che doveva essere, quella sì, veramente di cambiamento. Invece, sono colpite le eccellenze italiane, tagliando le gambe ai veri imprenditori, distruggendo un sistema sano, virtuoso e strategico per tantissime province italiane". 

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl