you reporter

Il bilancio di Sagittaria

Un anno in difesa dell’ambiente

85 uscite per liberare animali selvatici e per effettuare ricerche e monitoraggio sul territorio

29/12/2018 - 15:08

Un anno a difesa e per la promozione del territorio e della sua fauna. Il 2018 si chiude positivamente per Sagittaria, associazione culturale naturalistica, attiva a Rovigo dal 2006, che oggi conta 55 soci.
L’anno è passato in più di un’uscita a settimana, per precisione 85, di cui 34 in barca, per le finalità associative, di ricerca, monitoraggio, divulgazione e sensibilizzazione ambientale. Buon riscontro di pubblico hanno avuto in particolare le liberazioni di selvatici curati dal Cras di Polesella, con cui l’associazione collabora anche per la raccolta di finanziamenti; l’escursione nel boschetto di Palà per la conoscenza dei suoni e delle essenze del bosco; la 3 giorni di Summer camp sul Delta con sorveglianza, tra altro, dei nidi degli uccelli acquatici e approccio alla molluschicoltura.

Innumerevoli le collaborazioni per giornate informative e convegni scientifici, come con Verona Birdwatching, Legambiente di Rosolina, Ausf Padova, Ecologia costiera Caleri, e, importantissimo, le azioni di divulgazione sul tema dell’antibracconaggio in Veneto, in sinergia con Federcaccia; o, per la corretta gestione delle spiagge e degli scanni, con lo stabilimento Il Ghebo di Porto Levante; ed ancora con Fotoclub Adria per la conoscenza dell’area deltizia; così come con i carabinieri forestali e l’Ausf università di Padova per i censimenti faunistici nel Bosco della Mesola, condividendo l’impegno per la difesa della biodiversità.

Tra i vari censimenti effettuati, importante il ruolo di coordinamento svolto su tutto l’alto adriatico per il monitoraggio della presenza del fenicottero. Tantissime le escursioni di carattere divulgativo, anche in collaborazione con il Branco ottico al Festival di fotografia sperimentale di Ca’ Vendramin. Copiosa è stata la raccolta di dati floro-faunistici su tutta la provincia, dalle orchidee selvatiche, alle erbe esotiche infestanti, ai mammiferi, ai rettili anfibi, all’avifauna acquatica svernante e nidificante nel Delta del Po, attività che fa di Sagittaria il soggetto depositario delle conoscenze ambientali del nostro Polesine.

Come ogni anno, Sagittaria ha fornito consulenza scientifica e tecnica ad enti pubblici e soggetti privati relativamente alle attività di riassetto idraulico nell’area del Delta del Po. Consistente anche la produzione di materiale informativo a carattere scientifico, come esito di ricerche, censimenti, monitoraggi sul campo, ma anche semplicemente divulgativo, per un primo approccio agli aspetti naturalistici del nostro territorio. Si segnalano i cartelloni illustrativi di flora e fauna a Il Ghebo, e le brochure per la salvaguardia della tartaruga marina caretta caretta, e per il corretto approccio agli animali selvatici in collaborazione con il Cras. Ed ancora la pubblicazione di un vademecum del fotografo nel Delta del Po.
Impegno di sensibilizzazione profuso con la partecipazione all’Ottobre rodigino e con incontri, di studio e conviviali, a Le Dune di Porto Viro, con Gli amici del tartufo polesano, ed ancora con L’Alveare che dice sì, nell’ottica di una maggiore conoscenza del territorio e dei prodotti che lo caratterizzano.
Il credito culturale di Sagittaria è, anche per il 2018, documentato dall’ospitalità fornita a tesisti e tirocinanti dell’università di Padova, ed infine dal vasto seguito su Facebook.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl