you reporter

Dramma sfiorato

Aggredito insieme al cane da un cinghiale inferocito

Si è salvato per miracolo un giovane cercatore di tartufi aggredito insieme al suo cane da un cinghiale di un quintale

107414

20/02/2019 - 11:23

Un cercatore di tartufi e il suo cane attaccati da un cinghiale di oltre un quintale: salvi per miracolo. Lo scrive L'Arena, spiegando come Alessandro Prandini, insieme a Falco, un Lagotto Romagnolo, abbiano rischiato la vita sulle colline sopra Sommavilla, frazione di Brenzone, in provincia di Verona.

Con grande prontezza il giovane ha imbracciato un bastone e l’ha agitato verso l’animale selvatico, urlando, spaventandolo, e tutto è finito bene. "Ma mi rendo conto che se non fossi stato così cosciente che nella zona vi sono tantissimi cinghiali, sarei stato aggredito" ha raccontato a L'Arena il giovane. "A Brenzone è vera emergenza per quanto riguarda i cinghiali" ha sottolineato Luigi Giramonti, presidente del Comprensorio di Caccia di Brenzone e ideatore, con il sindaco Tommaso Bertoncelli, del Centro di raccolta per cinghiali dell’Alto Garda.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl