Cerca

CENTRODESTRA

Sfuma l’alleanza con Conchi

Il centrodestra serra i ranghi. E la coalizione chiude le porte. A Ezio Conchi. Nessun accordo

Ezio Conchi supera Forza Italia

Il centrodestra serra i ranghi. E la coalizione chiude le porte. A Ezio Conchi. Nessun accordo: la riunione, dell’altra sera, si è conclusa con una fumata nera. L’ex vicesindaco ed esponente di Forza Italia non è gradito all’interno del patto di ferro Lega-Fdi-Fi. “Ci ha tirato contro per tutta la campagna elettorale, diceva in giro che ci avrebbe fatto perdere. E ora dovremmo accoglierlo? Non se ne parla”, va dicendo in giro un esponente di peso dello schieramento che sostiene Monica Gambardella. E i capicorrente, a quanto pare, la pensano come lui. E allora, trattative affondate prima ancora di cominciare. E il 4,8% dei voti (quelli presi da Conchi e dalle sue due civiche) in libera uscita. Del resto, l’ingresso di Conchi nell’alleanza avrebbe penalizzato Lega e civica Gambardella, che avrebbero dovuto lasciare - in caso di vittoria - due seggi a Conchi e Roana. Oltre a qualche poltrona tra giunta e enti di secondo grado.

A proposito di posti. Rischia grosso Andrea Bimbatti, e con lui Forza Italia, che entrano in consiglio comunale soltanto se la Gambardella la spunta al ballottaggio. All’opposizione, non c’è posto per gli azzurri. Lo stesso dicasi per Renato Borgato, portacolori di Forza Rovigo.

Mentre è certo di sedere ancora nell’aula di palazzo Nodari Mattia Moretto, il giovane consigliere uscente eletto nel 2015 sotto il simbolo del Pd e oggi esponente di Fratelli d’Italia. Per lui un risultato da incorniciare: nel passaggio di schieramento è riuscito a mantenere quasi tutti i suoi voti. Ne ha raccolti 325, alla scorsa tornata ne aveva 409. “Me ne hanno annullati una ottantina”, protesta con un sorriso. Ma va bene così: obiettivo raggiunto lo stesso.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy