Cerca

GUARDIA DI FINANZA

La nuova arma contro i pescatori di frodo fa subito centro

Peschereccio della marineria di Pila multato perché lavorava a strascico troppo vicino a riva

La nuova arma contro i pescatori di frodo fa subito centro

Lo chiamano "banana", per la sua forma affusolata, ed è l'ultimo e più aggiornato degli strumenti con i quali i reparti aeronoavali della Guardia di finanza si battono contro la pesca di frodo, ossia attuata al di fuori di quello che è lo schema delle norme che hanno anche lo scopo di tutelare l'ambiente e l'ecosistema. E' un motoscafo che presenta il grosso vantaggio di mimetizzarsi bene tra le onde, essendo anche molto basso, così che, nel corso dei controlli, è difficile che chi infrange le regole possa avvedersi della sua presenza in tempo utile a dissimulare i comportamenti che, sino a poco tempo prima, stava tenendo.

E' esattamente quanto accaduto nella notte tra martedì e mercoledì scorsi, quando, secondo questa ricostruzione dei fatti, il mezzo, in dotazione alla Guardia di finanza di Chioggia, avrebbe sorpreso un peschereccio della marineria di Pila mentre pescava a strascico, entro il limite delle tre miglia dalla costa, una fascia nella quale questa modalità è vietata. Le sanzioni non sono statae poca cosa: si parla di una sanzione amministrativa di 4mila euro, del sequestro delle reti e della perdita di sei punti sulla licenza di pesca.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy