you reporter

POLESINE

Ora il paradiso del Po è un tesoro mondiale

Anche l'area mediana del Grande Fiume, che comprende 85 Comuni, tre Regioni e otto Province, diviene riserva della biosfera Unesco

Po[1].JPG

Dopo il Delta del Po, anche il tratto mediano del Grande Fiume, detto "Po Grande", dal momento che non si è ancora diviso nei vari rami che caratterizzano il Delta, ottiene il riconoscimento di Riserva Mab Unesco. La decisione è stata presa mercoledì a Parigi, raccogliendo la candidatura di un'area che comprende tre Regioni, otto Province e 85 Comuni. Per il Polesine, in particolare, si parla di Bergantino, Calto, Castelmassa, Castelnovo Bariano, Ficarolo, Melara e Salara.

In questo modo, la valenza ambientale e culturale del Po riceve un altro marchio d'eccellenza di caratura mondiale. Un riconoscimento che non potrà fare che bene al turismo e allo sviluppo del territorio.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: Turatti Group
Speciali: Sagra del pesce di Chioggia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl