you reporter

regione del veneto

La tempesta che distrusse la pesca: ora si posso chiedere i danni

È possibile presentare domanda fino al 10 luglio per l’accesso ai contributi a imprese e privati che hanno subito danni durante l’ondata di maltempo di fine autunno 2018

La tempesta che distrusse la pesca: ora si posso chiedere i danni

22/06/2019 - 11:07

È possibile presentare domanda fino al 10 luglio per l’accesso ai bandi per contributi a imprese e privati che hanno subito danni durante l’eccezionale ondata di maltempo di fine autunno 2018. L’ultima ordinanza firmata dal “Commissario Delegato per i Primi Interventi Urgenti di Protezione Civile in Conseguenza degli Eccezionali Eventi Meteorologici che hanno interessato il Territorio della Regione Veneto a partire da ottobre 2018” Luca Zaia permette l’accesso a cinque bandi differenti, suddivisi per settore. I settori sono: “agricolo” e forestale; “acquacoltura e pesca”, imprese del “settore foreste”; imprese di “settori diversi da quelli agricolo, forestale, dell’acquacoltura e pesca”; “privati”.

Le attività di raccolta domande, istruttorie e la determinazione del contributo ammissibile vengono svolte dalle strutture tecniche di differenti Soggetti Attuatori. Le domande relative ai bandi per le imprese del settore agricolo, forestale e acquacoltura e pesca vanno presentate a Fabrizio Stella, direttore di Avepa, Soggetto Attuatore per il settore rilievo e opere agricolo-forestali; per le imprese di settori diversi da quelli agricolo, forestale, dell’acquacoltura e pesca vanno indirizzate al direttore della Direzione Industria, Artigianato, Commercio e Servizi della Regione del Veneto Giorgia Vidotti; per i soggetti privati bisogna rivolgersi a Gianluca Fregolent, direttore della Direzione Agro-ambiente, Caccia e Pesca, e Soggetto Attuatore per il settore agricolo.

La cifra a disposizione per il risarcimento danni a privati e imprese quest’anno, in base a quanto previsto dal Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 27 febbraio 2019, è 25 milioni di euro e potrà essere incrementata nel prossimo biennio. I finanziamenti complessivi previsti dal citato decreto sono, infatti, pari a 756 milioni, dei quali circa 232.600.000 euro per l’anno in corso.

Termini e modalità relative alla presentazione delle domande, che devono essere presentate online entro il 10 luglio, sono contenuti nei bandi allegati all’ordinanza del Commissario pubblicati sulla sezione "avvisi" del sito internet di Regione del Veneto oltre che sui siti del Commissario e delle strutture referenti per ciascun specifico settore.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl