you reporter

PORTO VIRO

Attenti: i truffatori sono in giro

Usano il raggiro dello specchietto, messi in fuga da una giovane

Specchietto, prova la truffa ma va a vuoto

Truffa dello specchietto: ecco come difendersi dai malviventi che agiscono in questa maniera

Nuovo allarme per la truffa dello specchietto. E' accaduto a Porto Viro, in mattinata, a una giovane donna che ha reagito, però, con grande sangue freddo, mettendo il truffatore nelle condizioni di andarsene a mani vuote. 

"Poco fa - racconta una giovane - una macchina nera con specchietti dal colore argenteo mi ha detto di fermarmi per un danno allo specchietto. Ho voluto ascoltare, tenendo sempre a portata di mano lo specchietto, quella persona vedendo che non si trattava del solito gruppo di uomini o ragazzi ma di un uomo sulla quarantina (capelli neri con accento napoletano) con appresso moglie (donna bionda con capelli mossi) e bimba di circa 10/12 anni (castana con coda di cavallo)".

"Scendo dall'auto - prosegue il racconto - e l'uomo mi dice di avergli rotto lo specchietto e mi mostra sul fianco destro della mia auto una bella strisciata nera. Ed è qui che mi sorge il dubbio che sia davvero andata addosso a quell'auto, ma non rammento rumori molesti o auto che mi abbiano suonato. Ci fermiamo in un altro posto, ma invece di seguirlo dove indicava lui, ho parcheggiato a lato di una casa con le uniche portiere possibili da aprire dalla mia parte, appoggiandomi sopra e chiamando i miei. L'uomo ha notato che non lo stavo seguendo e ha fatto retromarcia con l'auto e mi ha chiesto indicazioni per Rovigo. Di nuovo strano. Gliele ho date". 

"Poi è tornato, chiedendo cosa fare con il danno, che lui considerava da 120 euro. Gli ho semplicemente detto di aspettare che giungessero i carabinieri. 'Ma io ho un appuntamento importante', dice lui. 'O aspetti o non so cosa fare per te', rispondo. Per tutta risposta l'uomo se ne va com'è venuto". 

Ed è a questo punto che la giovane ha avuto la conferma che si trattava di una truffa. "Controllando meglio il mio 'danno' - racconta - a quanto pare sembrava grasso di motore, in pratica una bella sporcata che difficilmente ti fa uno specchietto. La mia auto ha zero danni, solo tanto sporco. Da quello che mio padre ha dedotto, il momento in cui si era fermato con l'auto dietro di me ed era uscito prima di me per indicarmi la strisciata è stato quello in cui ha fatto lui stesso la strisciata".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: Teatro Sociale di Rovigo
speciali: Camera di Commercio e Cna: un mondo di opportunità per le imprese

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl