you reporter

POLIZIA

Cacciati dall'Italia i due pusher: qui non sconteranno neppure la pena

Uno aveva addirittura 28 chili di papaveri da oppio, l'altro era stato segnalato una infinità di volte per spaccio

82501

In Italia non finiranno neppure di scontare la pena alla quale erano stati condannati e per la quale era finiti in carcere. Questa la decisione del Tribunale di sorveglianza, che ha deciso che i due detenuti, piuttosto che espiare l'intera pena nel nostro Paese, vengano rimpatriati, a forza, e la pena residua sia commutata con il divieto di rientro in Italia per 10 anni. A seguire e a dare attuazione a questa disposizione, poi, è stato il personale dell'ufficio Immigrazione della questura di Rovigo.

Due gli stranieri che sono stati interessati da questo provvedimento. Uno, un indiano di 31 anni, era stato arrestato perché, secondo le contestazioni, sarebbe stato fermato in autobus con un carico decisamente particolare: qualcosa come 28 chilogrammi di papaveri da oppio. L'altro, invece, un tunisino di 46 anni, sarebbe stato condannato varie volte per reati in tema di stupefacenti.

Entrambi sono stati accompagnati dal personale dell'ufficio Immigrazione di Rovigo sino alla frontiera aerea, dove sono stati imbarcati, rispettivamente, su un volo per Nuova Dehli e uno per Tunisi.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: Teatro Sociale di Rovigo
speciali: Camera di Commercio e Cna: un mondo di opportunità per le imprese

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl