you reporter

Il festival

Opera prima, la festa dell’arte

In arrivo tanti performer internazionali. E per chi vuole la possibilità di ospitarli a casa

Opera prima, la festa dell’arte

Festival Opera prima, via alla 15esima edizione. L’associazione Festival Opera prima è pronta a presentare tutti gli artisti ospiti alla quindicesima edizione del festival: 19 formazioni provenienti dal panorama locale, nazionale ed internazionale, che contribuiranno a creare un clima di festa diffusa a Rovigo.

L’edizione sarà realizzata dall’omonima associazione grazie alla collaborazione con il Teatro del Lemming e con il Comune di Rovigo, con il contributo del ministero dei beni e delle attività culturali, della Regione Veneto e della fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo. L’evento si svolgerà a Rovigo dal 12 al 15 settembre in teatri, spazi urbani e luoghi storici della città.

“Siamo felici - ha detto il sindaco Edoardo Gaffeo -, di ospitare e sostenere il Festival Opera prima. Un festival che sperimenta linguaggi scenici diversi, perché cultura significa anche valorizzare varie forme artistiche. Il Festival è un luogo di incontro, confronto, dialogo, conoscenza, che unisce l’arte del teatro contemporaneo alla condivisione dei luoghi storici della nostra città”.

Come afferma il coordinatore artistico del festival, Massimo Munaro: “Opera prima è un festival dedicato al teatro contemporaneo, cioè a tutto quel teatro che esplora e ricerca nuovi linguaggi.”

La direzione artistica del Festival ha individuato quest’anno alcuni gruppi storici della ricerca teatrale: il Teatro delle Ariette, compagnia bolognese della generazione ‘90, fondatrice del cosiddetto teatro da mangiare; il Teatro del Lemming, storica compagnia di teatro di ricerca rodigina; Michela Lucenti, fondatrice di Balletto Civile; il Teatro Valdoca, compagnia romagnola della generazione degli anni ‘80; Norberto Presta, artista italo-argentino.

A quattro di questi artisti è stato poi chiesto di segnalare un giovane gruppo o un giovane artista, e quindi: Caroline Baglioni, attrice umbra vincitrice con lo spettacolo Gianni del Premio Scenario per Ustica; Welcome Project, formazione italo-tedesca; Filippo Porro e Simone Zambelli, alla loro prima creazione coreografica; Arianna Aragno, Rossella Guidotti e Daniele Cannella, coinvolti nella recente produzione Giuramenti della Valdoca.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali: Turatti Group
Speciali: Sagra del pesce di Chioggia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl