you reporter

BADIA POLESINE

Il Balzan ora apre davvero. E accoglie i ragazzi prodigio russi

La bella notizia del sindaco Giovanni Rossi: nasce un'associazione per prendersi cura del gioiello cittadino

La 13esima tournée dei “Giovani talenti russi” passa per Badia Polesine. Organizzato dall’associazione “Amici della Russia”, l’evento ospitato al teatro Balzan è stato reso possibile grazie alla collaborazione dei Rotary club di Badia-Lendinara-Altopolesine, Adria, Rovigo e Porto Viro-Delta del Po.

Lo spettacolo, patrocinato dal Comune e dal Comitato regionale Aics, ha visto come protagonisti della serata quattro giovani musicisti provenienti dai conservatori di Mosca e San Pietroburgo: Andrey Anokhin ed Evgeniy Zakharov al pianoforte, Bogdan Yusufkhanov al violino ed Eugeiy Zakharov alla fisarmonica.

Ad anticipare il concerto degli ospiti russi sono state le esibizioni di alcuni talenti “nostrani”: Anastasia Rollo con il suo violoncello e Gianluca Bergamasco al pianoforte. Il repertorio musicale proposto per l’occasione ha visto i giovani talenti dilettarsi in brani di celebri compositori, come Tchaikovsky, Bach, Mozart, Chopin, Liszt, Beethoven e Vivaldi.
Prima dell’esibizione al Balzan, i giovani musicisti accompagnati dalla docente Natalya Lysova, sono stati accolti in sala consigliare del municipio dal sindaco Giovanni Rossi e dagli assessori comunali.

“È un privilegio avervi ancora qui con noi - ha detto il primo cittadino - Approfitto di questa occasione per dire che questa amministrazione assieme ad alcuni imprenditori badiesi ha da poco fondato un’associazione per la gestione del teatro Balzan. Questo ci permetterà di aprire in maniera costante il teatro, che fino ad ora non è stato del tutto sfruttato e valorizzato, e mi auguro che altri possano aggiungersi in questa avventura”.

“In questa occasione – ha continuato Martino Beggio, presidente del Rotary Badia Lendinara Alto Polesine – i ragazzi possono dimostrare impegno, talento e costanza. Elementi che assieme possono produrre grandi risultati. Le precedenti edizioni ci hanno sempre lasciati sorpresi per la capacità e la passione dimostrate sul palco nel suonare uno strumento. Iniziative di questo tipo a mio avviso fanno bene a tutti, perché offrono ai cittadini l’opportunità di avvicinarsi alla musica”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: Teatro Sociale di Rovigo
speciali: Camera di Commercio e Cna: un mondo di opportunità per le imprese

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl