you reporter

UNA BRUTTA STORIA

"Scarpe comprate con tanto sacrificio, gliele hanno rubate in piscina"

Una istruttrice denuncia l'odioso furto avvenuto in piscina ai danni di una bimba

"Scarpe comprate con tanto sacrificio, gliele hanno rubate in piscina"

"Le scarpe di Nina...potrebbe essere il titolo di una favola per bambini, peccato che non c'è niente di favoloso e tantomeno il lieto fine", comincia così il racconto di una istruttrice della piscina di Rovigo che denuncia un bruttissimo, vergognoso furto ai danni di una bambina.

"Nina è una bambina, che in passato è stata mia allieva. Nina queste scarpe le ha aspettate parecchio, perché voleva proprio queste...costose, si certo, ma i commenti che ho sentito, giudizi e critiche sulla scelta di un acquisto così 'importante' per una bambina e poi ancora 'come si fa a metterle per andare in piscina e lasciarle incustodite?', sono fastidiosi come l'orticaria. Chi conosce queste scarpe, sa quanto costano, ma erano le sue scarpe, i suoi soldi e le ha attese, aspettate e finalmente avute con i suoi risparmi e i sacrifici della mamma, e se dico solo mamma, un tristissimo motivo c'è. Ma a parte tutto, se chi le ha prese è un'altra ragazzina, in qualche modo può essere comprensibile, un errore per invidia o avidità, un'occasione invitante a portata di mano, per scarpe simili...ma se le indossa, non se ne accorge nessuno? come le giustifica?. L'altra possibilità, è che siano state rubate da una persona adulta, e credo che in questo caso non ci sia nessuna giustificazione, ma solo tanta vergogna".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl