you reporter

PORTO VIRO

Inseguiti e arrestati, tornano in libertà

Il giudice non convalida l'arresto dei due predoni di gasolio

carabinieri[9].JPG

Carabinieri

Erano stati colti, secondo le contestazioni in flagranza di reato dai carabinieri che li avevano inseguiti e catturati, sventando il furto di gasolio. All'esito dell'udienza di convalida, però, non è stato possibile convalidare l'arresto o disporre misure cautelari a carico dei due italiani.

I due avrebbero preso di mira alcuni veicoli posteggiati all'esterno di una cooperativa di Porto Viro, arrivando con tutto l'armamentario necessario per questo tipo di azione, in particolare le taniche ove riporre il carburante trafugato. (LEGGI ARTICOLO). Alla vista dei carabinieri, si sarebbero dati alla fuga lasciando in loco la macchina e fuggendo a piedi.

Posti ai domiciliari, sono comparsi di fronte al giudice, la mattina successiva, per la convalida dell'arresto che, purtroppo, non è stato possibile disporre. Sia perché il furto non era stato consumato, sia perché la sussistenza della flagranza era opinabile, sia perché i limiti edittali della pena - ossia la soglia massima di pena ipotizzabile per il reato contestato - era al di sotto di quella richiesta per l'applicazione di una misura cautelare. Tutte motivazioni che hanno lasciato pochissimo spazio di manovra al giudice.

Il che comunque non significa che i due indagati vedano il procedimento penale a loro carico finire in nulla. Farà, al contrario, il suo corso, non per direttissima e senza misura cautelare a carico.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 1
  • Vagabondo 57

    10 Febbraio 2020 - 23:11

    Bravo giudice ,spero che domani vengano a prendersi il tuo gasolio

    Rispondi

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl