you reporter

CORONAVIRUS IN POLESINE

Così uccide il coronavirus. Si muore anche sotto i 60 anni

Lo ha spiegato il direttore generale dell'Ulss 5 Polesana Antonio Compostella

Così uccide il coronavirus. Si muore anche sotto i 60 anni

"Perché una persona muore per coronavirus?", lo ha voluto spiegare il direttore generale dell'Ulss 5 Polesana, Antonio Compostella durante la lettura del bollettino odierno sul contagio da coronavirus in Polesine (LEGGI ARTICOLO).

"Ovviamente ci sono i danni provocati agli organi dal virus, che, in concreto, uccide le cellule; soprattutto, però, stiamo vedendo che l'infezione da coronavirus determina nell'organismo, nei casi maggiormente gravi, scatena una reazione immunitaria che cambia da persona a persona che porta all'accumulo di materiale necrotico negli alveoli dei polmoni. Da qui la polmonite interstiziale che troviamo nelle radiografie, che può portare in maniera molto rapida alla morte, perché, se anche noi interveniamo con la ventilazione meccanica, se questo accumulo si genera prima del nostro intervento, può essere insufficiente".

Per quanto riguarda i polesani deceduti, il 56% è di sesso femminile, il 44% maschile. Il 67% dei decessi è avvenuto tra 70 e 99 anni, ma si registrano anche due decessi tra i 50 e i 59 e uno tra i 60 e i 69, quindi tre decessi al di sotto dei 70 anni. "Certo gli anziani pagano il prezzo più alto - ha proseguito Compostella - ma questo gravissimo rischio riguarda anche i non anziani".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl