Cerca

CORONAVIRUS IN ITALIA

E' ufficiale: chiusure prorogate fino al 3 maggio, ma con delle eccezioni

Il Premier Giuseppe Conte ha firmato il nuovo decreto, entrerà in vigore dopo Pasqua

E' ufficiale: chiusure prorogate fino al 3 maggio. Ma ci sono delle eccezioni

Il premier Giuseppe Conte

"La curva del contagio sta rallentando ma non possiamo vanificare i nostri sforzi, sarebbe una grande frustrazione per tutti. Perché le misure che abbiamo adottato stanno funzionando, lo conferma il comitato scientifico. Dobbiamo continuare a mantenere alta l'attenzione. L'auspicio è di ripartire dopo il 3 maggio, ma dipenderà dal nostro comportamento dei prossimi giorni, dobbiamo compiere questo ulteriore sforzo anche in questi giorni di festa. La proroga vale anche per le attività produttive. La tutela della salute rimane per noi sempre al primo posto. Ma teniamo anche conto della tenuta del tessuto socio economico e produttivo. L'intenzione è quella di allentare il prima possibile le misure per far ripartire il motore del paese a pieno regime ma non  siamo ancora in quelle condizioni. Ma vi prometto che se anche prima del tre maggio si verificassero le condizioni cercheremo di provvedere di conseguenza". 

Il premier Giuseppe Conte ha annunciato con queste parole il nuovo decreto che entrerà in vigore alla scadenza di quello in corso, ovvero dopo Pasqua, un decreto che, di fatto, proroga le misure in atto per il contenimento del coronavirus in Italia fino al 3 maggio. Decreto firmato nella serata di venerdì 10 aprile.

Ma ci saranno delle eccezioni, qualcuno potrà riaprire dopo il 14 aprile. E' il caso di cartolibrerie, librerie, negozi per bambini. Riapriranno anche delle attività produttive come la sivicoltura, ovvero il taglio dei boschi e attività forestali.

"Il lavoro per la fase due è già partito, passata la fase di emergenza nella quale siamo ancora. Non possiamo aspettare che il virus scompaia dal nostro territorio ma non possiamo stare fermi, sappiamo che dovremo convivere con il virus e stiamo già lavorando al programma che si basa su due pilastri: l'istituzione di un gruppi di lavoro di esperti e il protocollo di sicurezza nei luoghi di lavoro che stiamo preparando. Un consiglio: cominciate già a sanificare e cominciate ad attrezzarvi e predisporre i luoghi di lavoro per mantenere le distanze di sicurezza. Questo dico alle attività produttive".

"Mi spiace io sono consapevole che non avete ancora ricevuto i soldi in tasca ma stiamo davvero facendo il possibile perché le erogazioni avvengano nel più breve tempo possibile. Non è facile il Paese non era predisposto. Entro la fine di aprile firmerò un altro decreto economico"

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Nik12

    10 Aprile 2020 - 20:18

    E una presa in giro vergognoso a voi politica di merrd

    Report

    Rispondi

Impostazioni privacy