Cerca

CORONAVIRUS IN POLESINE

"Davvero delusi che il Governo non abbia trovato il modo di farci riprendere le celebrazioni"

Il commento del Vescovo della Diocesi di Adria e Rovigo, Pierantonio Pavanello

“Troppi personalismi e divisioni”

"L’assenza di indicazioni precise da parte del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte circa la ripresa delle celebrazioni religiose con la partecipazione di fedeli ha provocato una forte reazione da parte della Conferenza Episcopale Italiana, che si è fatta interprete della delusione di tanti fedeli, che ormai da più di due mesi non possono partecipare all'eucaristia e ricevere i sacramenti", lo dice il vescovo della Diocesi di Adria-Rovigo, monsignor Pierantonio Pavanello dopo le parole del Premier in merito alla Fase 2. 

"Ho più volte dato voce al desiderio di fedeli e sacerdoti, di poter riprendere quanto prima le celebrazioni con la partecipazione del popolo: anche domenica sera nell’omelia della Messa ho parlato dei motivi teologici per cui l’Eucaristia e la comunità sono indispensabili per poter vivere la fede nel Cristo Risorto. Celebrare per i cristiani è di fondamentale importanza e manifesta il volto della Chiesa. D’altro canto La comune solidarietà con la gente e il bene comune della vita ci chiedono di amare il nostro Paese e di vivere questo tempo di prova e di «distanziamento sociale» come un prolungato Sabato Santo, vigilia di quella risurrezione che già annunciamo in questo tempo pasquale - spiega il Vescovo - Le restrizioni richieste dall’emergenza sanitaria costituiscono una limitazione del tutto eccezionale dei diritti dei cittadini, che si giustificano solo per la tutela della salute delle persone di fronte al rischio del contagio".

"La Chiesa di Adria-Rovigo, come tutte le altre Diocesi italiane, ha dato la sua leale e generosa collaborazione accogliendo le direttive proposte dall’autorità civile, anche quando per taluni aspetti si presentavano poco attente alle esigenze della vita religiosa e del culto dei cristiani (come pure delle altre comunità religiose) - continua il Vescovo - E’ motivo di profonda amarezza e di grande preoccupazione constatare che non è stato possibile per la Chiesa italiana arrivare a concordare con il
Governo un percorso che porti in tempi ragionevoli ad una ripresa delle celebrazioni religiose con il popolo attuando una serie di precauzioni che mettano al riparo dalla diffusione del contagio da Covid-19. Siamo consapevoli che non sarà facile arrivare a celebrare in sicurezza e che ciò comporterà un notevole impegno sia in termini organizzativi che economici: per questo è necessario quanto prima poter disporre di un protocollo che permetta di cominciare a prepararci per l’auspicata “fase 2”
della liturgia in tempo di Covid-19. Fino al termine dell’emergenza sanitaria, che richiederà verosimilmente tempi lunghi, le nostre celebrazioni saranno comunque limitate sia nelle modalità che nella partecipazione di alcune categorie di fedeli (in particolare anziani e ammalati). Nella convinzione che la lotta per sconfiggere l’epidemia ha bisogno
dell’unità e della concordia di tutte le componenti del nostro Paese, si auspica che in tempi brevi possa riprendere un dialogo leale e costruttivo tra la Conferenza Episcopale Italiana e il Governo, per definire tempi e modi per una ripresa piena dell’attività di culto della Chiesa cattolica".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy