you reporter

CORONAVIRUS IN ITALIA

Tavoli a 4 metri, menù fissi o online, entrate e uscite separate, condimenti in bustina. Ecco le regole per la riapertura

Le regole per il distanziamento sociale nei bar e nei ristoranti trapelate dalla riunione del comitato scientifico preoccupano gli esercenti

I bar riapriranno a maggio, le scuole a settembre: e torneremo allo stadio a marzo

A dieci giorni alla possibile riapertura anche dei ristoranti, i proprietari dei locali sono sul piede di guerra per l’obbligo di tenere i tavoli all’interno a quattro metri di distanza l’uno dall’altro - scrive Open - Una misura trapelata dalle riunioni del Comitato tecnico scientifico, che sta disponendo le regole da imporre per la Fase 2 dell’emergenza Coronavirus a partire dal 18 maggio.

Secondo Confcommercio, quel modello "uccide la ristorazione", portando alla chiusura di quattro ristoranti su cinque. E poco potrà rimediare la concessione di usare con più libertà gli spazi all’aperto, di cui non tutti dispongono davanti al proprio ristorante.

A scoraggiare i ristoratori ci sono anche le ipotesi di imporre ingressi separati dalle uscite, continue sanificazioni degli ambienti, bustine monodose per i condimenti, oltre che l’obbligo di menu online e comunque esposti, in modo da evitare il passaggio di mano da un cliente all’altro.

La stretta arriva anche per il personale, obbligato a indossare sempre la mascherina, anche per chef e pizzaioli in cucina.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 1
  • diduve

    11 Maggio 2020 - 06:06

    Davanti al forno a legna, con la griglia e destra e 6 fuochi di cucina a sinistra ve lo scordate che portiamo la mascherina questa estate.

    Rispondi

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl