Cerca

BERGANTINO

Saltano festa della birra e del salame

La giovane sindaco Chiccoli, dopo tre mesi in trincea: “Grazie a volontari e giunta. Ora aiutiamo giostra e spettacoli viaggianti”

Saltano festa della birra e del salame

Lara Chiccoli

Tre mesi in trincea: “Grazie a volontari e giunta. Ora aiutiamo giostra e spettacoli viaggianti”

La notizia che è arrivata lasciando una scia di tristezza a Bergantino è che il Beer Wave, la festa della birra, che era prevista dal 30 luglio al 2 agosto, non si farà più. E nemmeno la festa del Salame porterà l’allegria di sempre.

Per un paese come Bergantino, che vive di socialità e di bar, è un duro colpo. “Purtroppo sono momenti di forte aggregazione sociale, tra i giovani soprattutto, gli organizzatori hanno deciso che era un problema farla quest’anno e hanno rimandato al prossimo anno proprio per lo spirito che anima le due feste era impossibile mantenere il distanziamento sociale. Un peccato che ci vengano a mancare questi momenti di aggregazione”.

Per il sindaco Lara Chiccoli al suo primo mandato e già con un’emergenza da paura da gestire, la piazza vuota di Bergantino è stato uno dei dolori più forti provati durante i mesi di lockdown. “Ha fatto molto male. Abbiamo già ampliato i plateatici e gli esercenti non pagheranno la Tosap. Non è lo stesso regime di prima, la gente ha paura, ma è tornata in piazza”.

Adesso che si cerca di tornare alla normalità il sindaco ha in mente alcune idee per dare una mano al settore della giostra “ci sta aiutando molto la Cna, che ha ascoltato tutte le istanze degli imprenditori”, e degli spettacoli viaggianti. “Questi ultimi sono fermi da novembre, un grande problema per le famiglie bergantinesi che erano abituate a riprendere dopo lo stacco invernale, le sagre e le feste. Non posso ancora dire nulla, ma ci stiamo lavorando”.

L'intervista completa oggi 7 giugno sulla Voce di Rovigo

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy