you reporter

CORONAVIRUS IN POLESINE

La finanza ha sequestrato 8400 paia di guanti ad un rivenditore bassopolesano

Provenivano da un paese asiatico ed erano sprovvisti di certificati

Proseguendo nell’azione di vigilanza inserita nel più ampio contesto di controlli finalizzati ad accertare il rispetto delle norme poste ad argine della grave epidemia di Covid-19, il Comando Provinciale di Rovigo ha disposto l’intensificazione delle attività ispettiva nei confronti di produttori e rivenditori dei dispositivi di protezione individuale. Continuano a essere numerosi infatti i controlli eseguiti su tutto il territorio polesano ed hanno interessato sia i produttori che i rivenditori (grossisti e dettaglianti) dei dispositivi.

Proprio in uno di questi controlli, coordinato dal Gruppo di Rovigo ed eseguito nei confronti di un operatore della Grande Distribuzione collocato nel basso Polesine, i finanzieri della Tenenza di Adria hanno proceduto al sequestro di 8.400 paia di guanti in vinile che erano stati posti in vendita senza rispettare le prescrizioni poste dal Codice del Consumo a tutela dei consumatori, spesso ignari delle particolari norme di settore che ne disciplinano la messa in commercio. In particolare i dispositivi sequestrati erano stati prodotti in un paese asiatico e immessi in commercio nelle confezioni originarie senza essere accompagnate da istruzioni tali da rendere sufficientemente informati e consapevoli gli acquirenti circa le caratteristiche tecniche del prodotto acquistato.

Il codice del consumo, infatti, impone al “professionista” (ovvero a qualsiasi persona fisica o giuridica che, nelle pratiche commerciali agisce nel quadro della sua attività commerciale, industriale, artigianale o professionale), di apporre sul prodotto venduto una serie di notizie in lingua italiana che rappresentato il “contenuto minimo di informazioni” sul prodotto. L’omissione di tali informazioni pregiudica fortemente i diritti del consumatore ed è sanzionata con una pena pecuniaria da a 516 euro a 25.823 euro. Gli accertamenti proseguono costantemente e testimoniano ancora una volta lo sforzo profuso dalla Guardia di Finanza a contrasto delle frodi e a tutela dell’economia legale. Un interesse particolare viene rivolto a quei comportamenti fraudolenti che, oltre a stravolgere le regole di mercato e di leale concorrenza, lucrano sulle condizioni di necessità dei cittadini/consumatori con particolare riguardo alle fasce più deboli.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl