you reporter

L’EVENTO

Albarella capitale di arte e natura

Sabato prossimo si terrà l’appuntamento conclusivo con i protagonisti dell’esposizione

Albarella capitale di arte e cultura

Nel corso dell’estate, all’isola di Albarella si è potuta ammirare la mostra di installazioni di Land Art “Evoluzioni”. A realizzarla gli artisti Vera Bonaventura e Roberto Mainardi di Officinadue. Si tratta di installazioni di “Nature Art” in un percorso artistico immerso nel verde dell’Isola di Albarella. La mostra è visitabile dal 27 giugno e lo sarà fino a domenica 18 ottobre. E sabato prossimo, il 17 ottobre, si terrà un appuntamento conclusivo, alle 12 nella sala ristorante del Golf Hotel di Albarella, alla presenza degli artisti e del direttore dell'Isola, Mauro Rosatti.

Sarà l’occasione per tracciare un bilancio dell’iniziativa e salutare tutti i presenti. Le installazioni sono state diverse tra cui la “Quiescenza”, con un tempio quiescente di paglia custodisce un tumulo, una sepoltura arcaica composta di trucioli di alberi divelti nell’Isola di Albarella dalla tempesta dell’agosto 2017. La quiescenza è la capacità dei semi di rimanere in uno stato metabolico dormiente fino a quando non vi siano le condizioni adatte e favorevoli al loro germogliare. La forza rigeneratrice e l’intelligenza biologica delle piante permettono ad alcuni semi di generare anche dopo secoli. Quindi, l’“Attesa”, solo una ghianda su diecimila diventa effettivamente un albero. La ghianda iniziò il suo viaggio circa mezzo secolo fa, fin quando, nell’agosto del 2017, una tempesta l’ha sradicata. Questa quercia, che da sempre è stato il più venerato fra gli alberi (per Virgilio i primi esseri umani sono stati originati da una quercia) è stata scelta come simbolo della fragilità del mondo naturale che abbiamo il dovere di proteggere e amare nell’attesa di un suo rinnovamento. Poi, “La foglia”, alberi piegati dal vento di bora e destinati a cadere possono avere una possibilità di sopravvivere con dei sostegni. Qui, l’installazione della foglia in ferro, regge un albero.

Gli “Ovuli”, nel mondo esistono più di mille banche dei semi con le funzioni di fornire una rete di sicurezza alimentare e preservare la varietà biologica contro la perdita botanica accidentale del “patrimonio genetico tradizionale” delle sementi. Questi ovuli di vetro soffiato di Murano contengono semi di fiori, graminacee e piante diversi fra loro. Posti sopra a delle canne, racchiudono tutta la fragilità e l’essenza della vita. Il “Lettino per farfalle”: nel mondo, il 10% delle specie di insetti è in pericolo. Solo in Italia presto potrebbe sparire la farfalla blu, mentre un terzo degli individui di api e insetti è a rischio estinzione. Da essi dipende un terzo della produzione alimentare e due terzi della frutta e verdura che consumiamo quotidianamente. Tra le installazioni, il “Grande Orecchio”, spesso i vortici sono intesi come forze centripete, che risucchiano verso il basso. In questa installazione, invece, il movimento è inverso diventando uno strumento per auscultare un ecosistema fragile come quello marino. Un vortice che esce dall'acqua e si propaga verso l'alto, una forza che si spinge contro l'ordinario e genera mondi anzichè risucchiarli. Un gorgo che induce a focalizzarsi sull'ascolto di un mondo sottomarino. Un fiato che permette a due mondi di comunicare fra loro. La nostra vita di esseri umani e di persone è passata per l’acqua. I delfini sono nostri progenitori e animali che comunicano attraverso frequenze non udibili alle nostre orecchie, gli ultrasuoni. La “Zolla”, nell’estate 2018, in Italia, il lungo periodo caratterizzato da temperature elevate e basse precipitazioni ha confermato la gravità e l’urgenza della situazione indicando una vulnerabilità crescente alla desertificazione, alla salinizzazione, alla perdita di carbonio organico nel suolo, alla perdita di biodiversità con un incremento della temperatura.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl