you reporter

Tribunale

Caso discarica, assolti i vertici del Consorzio rifiuti

Assoluzione con formula piena per l'ex presidente Tugnolo e il direttore generale Tescaroli.

Caso discarica, assolti i vertici del Consorzio rifiuti

Pierluigi Tugnolo

25/03/2021 - 11:22

Nereo Tescaroli e Pierluigi Tugnolo, già direttore generale e presidente del Consorzio Rsu, sono  stati assolti con formula piena, "perché il fatto non costituisce reato", dall'accusa di falsità ideologica in atti pubblici.

Secondo l'accusa, “in concorso tra loro attestavano falsamente che vi era la copertura finanziaria al momento del bando gara per il completamento dell'intervento di bonifica e messa in sicurezza permanente con recupero e ampliamento dell'ex discarica per rifiuti urbani di Taglietto 1 dell'importo base d'asta" di 6 milioni di euro. 

Grande soddisfazione viene espressa da Tescaroli e da Tugnolo (che incassa, nell’arco di due settimane, un’altra assoluzione piena, dopo quella che lo aveva visto rinviato a giudizio per abuso di atti d’ufficio), in quanto le accuse mosse e sostenute dal pm "si sono dimostrate totalmente prive di fondamento ed infamanti", come la difesa degli imputati, rappresentata dagli avvocati Stefania Tescaroli e Francesco Berto, ha motivato, dimostrando l’infondatezza delle accuse, accertato che, al momento della pubblicazione del bando di gara ad evidenza pubblica, esisteva la necessaria copertura finanziaria assicurata da Ecoambiente e dai 50 Comuni polesani.

"Si rammenta - dicono gli stessi avvocati - che, qualora non fosse stata bandita tale gara ad evidenza pubblica, la Regione Veneto avrebbe revocato i contributi concessi di 3,9 milioni di euro e tutti i Comuni polesani avrebbero dovuto portare i rifiuti nella discarica di Sant'Urbano in provincia di Padova (va evidenziato che i gestori della discarica di Sant'Urbano sono stati inquisiti dalla magistratura e rinviati a giudizio per corruzione): ciò avrebbe, inoltre, comportato una maggiore spesa di rilevante importo (circa 800mila euro annui), incrementato poi dal notevole costo di euro 10 milioni circa, in ragione dei lavori di bonifica della vecchia discarica di Taglietto 1, che aveva ricevuto nel passato i rifiuti polesani e di altri comuni fuori provincia; costi, invece, assorbiti e remunerati dall’attuale ampliamento volumetrico della discarica, che ha così permesso di calmierare e contenere la tariffa a carico dei cittadini polesani".

L'opera è stata collaudata con esito favorevole nei tempi previsti ed imposti al Consorzio Rsu dalla Regione Veneto ed Ecoambiente ha provveduto, per suo dovere e competenza, a dar corso agli ulteriori affidamenti per lotti funzionali, assicurando il necessario fabbisogno per circa 10 anni.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


GLI SPECIALI

Tesori. Alla scoperta del territorio tra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl