you reporter

Smog

Sorpresa: il blocco del traffico continua, Euro 5 a rischio

L'Europa sanzione l'Italia, e la Regione corre ai ripari: nuove restrizioni, anche dopo marzo.

Sorpresa: il blocco del traffico continua, Euro 5 a rischio

29/03/2021 - 13:56

Scattano nuove limitazioni alla circolazione e agli impianti termici e di combustione. Lo comunica l'assessore all'Ambiente del Comune di Rovigo Dina Merlo, spiegando i dettagli degli interventi.

L’assessore regionale all’Ambiente ha convocato nei giorni scorsi i referenti provinciali e dei Comuni capoluogo per fornire comunicazioni relative alla sentenza del 10 novembre 2020 emessa dalla Corte di giustizia dell'Unione europea che ha sanzionato l’Italia per non avere assolto sufficientemente gli impegni relativi al miglioramento della qualità dell’aria.

Si tratta di un insieme di misure, in parte con efficacia immediata, che impongono limitazioni sia al traffico che alle combustioni, e hanno richiesto nuove ordinanze sindacali, che saranno in vigore dal 1 al 30 aprile, con ulteriori interventi per la limitazione della circolazione dei veicoli maggiormente inquinanti e delle combustioni di biomasse. Le ordinanze attualmente attive avevano come termine ultimo di esecutività il 30 marzo.

Si ricorda che tra le limitazioni previste dagli accordi regionali, era previsto nel 2021 il blocco degli automezzi diesel euro 4 anche in allerta verde, successivamente sospeso con provvedimento regionale fino alla fine dell’emergenza Covid. La delibera di Giunta regionale 238 del 3 marzo ripristina il blocco degli euro 4 gasolio, che diventerà operativo al termine dello stato emergenziale, mentre riprende e impone l’adozione dei provvedimenti sulla limitazione del traffico, delle combustioni all’aperto, degli impianti termici e gli spandimenti liquami zootecnici.

Tra le ordinanze previgenti e quelle adottata nel mese di aprile ci sono alcune differenze. Per quanto riguarda le limitazioni alla circolazione, a partire dal livello arancione si applicano anche ai veicoli Euro 2 a benzina, ai ciclomotori e motoveicoli al di sotto dell’Euro 2, ai veicoli Euro 4 a gasolio ed autovetture Euro 5 in quanto, al livello arancione e rosso, la Regione non ha ritenuto applicabile la deroga prevista dal decreto dell’Unità di crisi regionale 1/2021 che differiva l’applicazione della limitazione degli Euro 4 al termine dello stato di emergenza.

Anche per quanto riguarda le limitazioni relative agli impianti termici e combustioni, le principali differenze si riscontrano a livello arancione: è previsto l’ulteriore abbassamento della temperatura in residenze, uffici e attività commerciali ed il divieto di utilizzo di generatori di calore domestici alimentati a biomassa legnosa (legna, cippato, pellet eccetera) con una classe di prestazione emissiva inferiore alle 4 stelle secondo la classificazione introdotta dal DM 186/2017 in presenza di impianto di riscaldamento alternativo.

Nel pacchetto di misure adottato dalla Regione sulla qualità dell'aria i settori principalmente interessati sono l’agricoltura, i trasporti e il riscaldamento e sono previste azioni di incentivazione, misure temporanee (valide in generale dal 1° ottobre al 30 aprile) e misure di carattere permanente. Tali misure riguardano in parte l’intero territorio regionale e interessano in qualche misura anche molti Comuni del territorio regionale fino ad ora non coinvolti dall'Accordo di Bacino Padano. I Tavoli tecnici zonali provinciali hanno svolto in tal senso un ruolo di coordinamento a supporto dei Comuni e per favorire una maggiore omogeneità dei provvedimenti sul territorio regionale.

 

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 1
  • raffaello13

    30 Marzo 2021 - 21:09

    Leggi fatte male, se un motore ha percorso 250 o 300 mila Km, Euro 4 o 5 è scassato! I motori dei camion e AUTOBUS raggiungono Kilometraggi assurdi e ce la si prede con le utilitarie dei poveri cristi che vanno a lavorare dai paesi periferici! Poi bisognerebbe fare una ANALISI QUALITATIVA delle "polveri " perchè si capisse meglio l'origine del problema e non agire con le nozioni di 20 anni fa... Sennò i motori moderni anti inquinamento che senso hanno? Anche le Ibride, ora SANTIFICATE, tra un pò mostreranno le magagne dell'uso. Meno ideologia e piu controllo delle fonti.

    Rispondi

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl