you reporter

Politica

Gaffeo sceglie i social per spiegare le dimissioni ritirate

Un lunghissimo post del sindaco di Rovigo ha concluso la giornata aperta dal ritiro delle sue dimissioni

Gaffeo sceglie i social per spiegare le dimissioni ritirate

Il sindaco di Rovigo Edoardo Gaffeo

20/05/2021 - 20:07

Un lungo post affidato a Facebook del sindaco di Rovigo, Edoardo Gaffeo, per spiegare, stavolta, perché le dimissioni le ha ritirate. Lo ha scritto, perché, dopo aver dovuto subire un'operazione, la voce gli è scesa. Così, in attesa di una conferenza stampa ufficiale, Gaffeo ha scelto di parlare sui social.

"Come noto, ho deciso di ritirare le dimissioni dalla carica di sindaco, e quindi di proseguire in questa stupenda avventura. Questi giorni sono serviti per analizzare i motivi che avevano portato alla mia decisione precedente. Sono serviti a ritrovare le ragioni dello stare insieme e la condivisione di un metodo di lavoro da parte delle forze politiche che hanno supportato la mia candidatura di due anni fa. Sono serviti a ribadire i ruoli, le competenze e le modalità di assunzione di responsabilità politica e amministrativa che ognuno di noi, a vario titolo impegnato nella gestione democratica della nostra comunità, è chiamato a svolgere nei confronti di chi ha l’enorme privilegio di servire" le sue parole.

"Tutti aspetti richiamati espressamente nel documento che mi è stato inviato nella serata di ieri dall’onorevole Achille Variati, che ringrazio in modo tutt’altro che rituale per l’insostituibile ed infaticabile lavoro di coordinamento, e sottoscritto da tutti i colleghi consiglieri comunali appartenenti ai tre gruppi consiliari della maggioranza, nonché dai rappresentanti dei partiti e delle associazioni politiche a cui tali gruppi consiliari fanno riferimento - spiega Gaffeo - li ringrazio tutti, uno ad uno, per aver compreso le ragioni del mio gesto, essersi messi a disposizione con spirito di servizio, e aver ribadito la necessità di dare alla nostra città un governo forte, con uno slancio programmatico moderno, una visione del futuro solidale ed inclusivo".

"Tutti noi siamo perfettamente consapevoli che le dichiarazioni di principio e le prese di posizione programmatiche sono fondamentali, perché delimitano il perimetro del sistema di valori e di visione del bene comune con cui ci presentiamo agli elettori - aggiunge - ma siamo altresì perfettamente consapevoli che si tratta di una condizione solo sufficiente, che in assenza della condizione necessaria data da un agire quotidiano coerente con tali principi perde drammaticamente ogni senso. E' sulla combinazione di queste due condizioni che chi riveste un ruolo politico e amministrativo è chiamato a farsi valutare, in egual misura, sia da chi gli ha accordato fiducia che da chi aveva democraticamente espresso scelte di rappresentanza diverse. E' una sfida, prima di tutto con sé stessi, che va affrontata con responsabilità e coscienza del fallimento a cui ci si espone quando la si perde".

"Non mi è possibile dire che 'ora si riparte', perché in realtà il lavoro dell’amministrazione e del consiglio comunale non si è fermato un solo minuto, anche nei momenti più complicati di questa recente esperienza - sottolinea Gaffeo - perché chi ha deciso di mettersi a disposizione della comunità, dai colleghi di giunta, ai colleghi consiglieri impegnati nei lavori delle commissioni e del consiglio, ai dipendenti dell’ente, lo fa sempre e comunque con la stessa identica abnegazione fino a quando vi è chiamato. Non un attimo prima. Dopo due anni in cui ho visto quanto questo spirito sia condiviso, in cui ho spinto giorno dopo giorno nella stessa direzione insieme a loro, in cui abbiamo affrontato la ricostruzione di una città e una pandemia che sta mettendo a durissima prova il nostro tessuto socio-economico, voglio dire apertamente di essere orgoglioso di tutti loro. Non posso dire 'ora si riparte', posso solo dire 'avanti come e più di prima'”.

"Ultimo ma non ultimo, mai espressione fu più vera! Io non potrò, mai, trovare le parole giuste per ringraziarvi per lo straordinario affetto che mi avete regalato - conclude rivolgendosi ai cittadini di Rovigo - è qualche cosa che non avevo messo in conto, che non mi aspettavo, spiazzante. E che mi carica positivamente di una ulteriore responsabilità e forza che non vedo l’ora di mettere al servizio della mia città".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl