you reporter

TEATRO

Le donne tornano a sorridere

Agli Olivetani tre appuntamenti da venerdì 25 a martedì 29. Domenica 27 la grande finale

Le donne tornano a sorridere

18/06/2021 - 13:28

Torna “Donne da palcoscenico” la rassegna teatrale al femminile di Minimiteatri. Il cartellone è stato presentato in rassegna stampa al Ridotto del Teatro Sociale, ieri mattina, rispettivamente dal presidente Ruggero Zambon e dalla direttrice artistica Letizia Piva di Minimiteatri, alla presenza del vicesindaco e assessore alla cultura del Comune di Rovigo Roberto Tovo e di varie rappresentanze delle istituzioni e dei partner sostenitori. La settima edizione, fedele all’idea iniziale dei suoi fondatori, la Piva con l’artista Gabbris Ferrari (a cui è dedicata) ha per tema quest’anno “Ridere e non piangere, le donne sorridono”. “Abbiamo bisogno di ritrovarci per depotenziare la paura in questi tempi difficili - ha spiegato la direttrice artistica - perché nella risata delle donne c’è libera creatività e resilienza”.

Il programma prevede tre serate in presenza nella splendida location del monastero degli Olivetani - già sperimentata lo scorso anno - precedute da un webinar online alla riscoperta di una grande autore del teatro veneto coevo di Ruzante: “Gigio Artemio Giancarli, un rodigino nel Cinquecento”, che Letizia Piva ha voluto riportare sulle scene dopo tanto tempo, snobbato probabilmente per la sua complessità. L’evento gratuito sarà proposto oggi dalle 16.45, in collaborazione con l’Accademia di Belle Arti di Venezia, l’università di Padova e Accademia dei Concordi di Rovigo e vedrà la partecipazione di Giovanni Boniolo, presidente dell’Accademia dei Concordi, Letizia Piva e dei professori Ivana d’Agostino e Ivano Paccagnella.

La prima serata in presenza agli Olivetani partirà venerdì prossimo dalle 21, con un’attrice comica di origini polesane Cristina Chinaglia, vista di recente in Rai nel film “Beate”, che metterà in scena “50 sfumature di swing” insieme al musicale Trio Gipsy (Gianni Bertin, Carlo Stupiggia, Massimo Braga), una serie di monologhi-voce della coscienza sulle debolezze e derive della società moderna.

Domenica 27 giugno, si terrà la finale del concorso corto teatrale nazionale “Donne da palcoscenico: nel chiostro, storia e bellezza negli occhi delle donne”. Un’altra novità di questa edizione, in collaborazione con Fondazione Rovigo Cultura: il pubblico stesso sarà chiamato a scegliere fra i tre finalisti, ovvero “Occhi” di e con Chiara Alivernini, regia di Luca Gaeta, produzione Fenice 21 di Roma (Storie di donne libere raccontate nella visione di Modigliani); “L’albero di Kalaloch” di e con Ambra Giordano di Genova (ancora storie di donne dalle esistenze difficili, ambientate in un luogo non luogo, il luogo dell’anima); “La principessa azzurra” di Saskia Simonet e Filippo Capparella della Compagnia Teatro La Fuffa di Treviso (un ironico rovesciamento degli stereotipi delle favole).

“La zingana” di Gigio Artemio Giancarli, in un adattamento inedito di Minimiteatri concluderà la kermesse culturale martedì 29 giugno (una città mercantile e cosmopolita in un labirinto d’idiomi diventano la rappresentazione di un mondo ingovernabile ed imprevedibile). L’ingresso è alle 21, previa prenotazione a info@minimiteatri.it.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


GLI SPECIALI

Tesori. Alla scoperta del territorio tra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl