you reporter

IL CASO

Schiaffo all'Italia: la Commissione Ue dice sì al prosek croato

La rabbia di Zaia: "Di questa Europa che non difende l'identità dei suoi territori non sappiamo proprio cosa farcene"

La Brexit fa volare alle stelle le vendite di Prosecco

14/09/2021 - 12:44

Schiaffo all’Italia: la Commissione Ue dice sì al prosek croato, procedendo alla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale europea della richiesta di registrazione del prodotto balcanico avanzata da Zagabria. Così l’Ue dà incredibilmente ragione alla Croazia, non tutelando il prosecco Doc e Docg italiano. Una decisione clamorosa che danneggia pesantemente gli oltre 8mila produttori italiani. "Dobbiamo fare squadra per proteggere il nostro prodotto e il nome Prosecco ma anche per non creare pericolosi precedenti", tuona il consorzio Prosecco Docg.

Durissima la presa di posizione di Luca Zaia: “Di questa Europa non sappiamo cosa farcene perché non difende l’identità dei suoi territori“, dice il governatore veneto all‘Agi. “Dovrebbe capire che, non solo si tratta di un prodotto che ha avuto tutti i riconoscimenti formali, dalle stesse strutture amministrative della Commissione europea, anche rispetto alla riserva del suo nome, ma il prosecco – attacca il presidente del Veneto – ha addirittura ottenuto il massimo riconoscimento di Patrimonio dell’Umanità da parte dell’Unesco”. Eppure Bruxelles non ci sente e giudica conforme “ai requisiti di ammissibilità e validità” la “domanda di protezione della menzione tradizionale Prosek presentata dalla Croazia”. Dunque, afferma il commissario all’Agricoltura Janusz Wojciechowski, “procederà ora alla sua pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea”.

 

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 4
  • diduve

    14 Settembre 2021 - 13:01

    Bevete solo prosecco VENETO.

    Rispondi

  • diduve

    14 Settembre 2021 - 13:01

    Bevete solo prosecco VENETO.

    Rispondi

Mostra più commenti

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl