you reporter

ROVIGO

Nove giorni da capitale del Grande Volontariato

Per la prima volta Solidaria sbarca in Polesine: l'edizione della ripartenza

16/11/2021 - 16:32

Dopo il grande successo della quarta edizione svoltasi a Padova, il festival Solidaria arriva per la prima volta in Polesine. Una kermesse che partirà il prossimo 27 novembre e durerà fino al 5 dicembre, in concomitanza con la Giornata Mondiale del Volontariato, dove ci saranno occasioni di dialogo e confronto tra il mondo della solidarietà, del volontariato, della cultura e dell’arte, coinvolgendo tre comuni del territorio quali Rovigo, Adria e Lendinara.

Attraverso Solidaria, il Csv di Padova e Rovigo darà voce a ospiti di livello nazionale ed internazionale per scoprire lo slancio del volontariato nella sua veste emozionale e nella sua capacità di intrecciare relazioni con l’intera città, attraverso convegni, spettacoli teatrali, incontri culturali. I palazzi storici, gli spazi cittadini, diverranno le quinte di un nuovo evento, pensato per far vivere alla città una grande emozione.

In questa edizione tutto si concentrerà sulla parola ”Evoluzione”: vuole essere l’occasione per riannodare i fili di quel dialogo tra corpi sociali diversi, ma anche tra semplici cittadini, dando così un piccolo, ma prezioso, contributo alla crescita consapevole della comunità.

Entusiasta il presidente del CSV di Padova e Rovigo Emanuele Alecci. "Questo è un momento importante - esordisce il presidente - perché  sancisce un percorso legato all’unificazione dei due CSV di Padova e Rovigo. Di strada ce n’è ancora molta da fare ma stiamo lavorando bene insieme. Questa è Solidaria: non andiamo solo a raccontare che è bello fare volontariato, ma vogliamo insieme capire come costruire una comunità più coesa, più solidale, più giusta".

Il programma si aprirà sabato 27 novembre con ben tre appuntamenti. Oltre al taglio del nastro ufficiale, che si svolgerà alle 11.15 a Palazzo Nodari, la giornata di sabato sarà arricchita da un convegno dedicato alle politiche attive del lavoro e in particolare a presentare il progetto VALI di Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo e Irecoop Veneto. Nel pomeriggio, in Adria, Giovanni Boniolo presenterà il suo ultimo libro dedicato al tema dell'identità. L'appuntamento di domenica 28 novembre sarà dedicato al ricordo dell'alluvione in Polesine con la partecipazione di Francesco Jori, curatore della mostra “70 anni dopo”.

Solidaria guarda anche al pubblico più giovane, al quale dedica due repliche dello spettacolo teatrale “Il mio amico Aldo” di e con Marco Bottoni. Uno spettacolo che affronta il tema della diversità in replica lunedì 29 novembre all'Istituto Scolastico De Amicis e venerdì 3 dicembre all'Istituto ITIS Ferruccio Viola di Rovigo.

Lunedì 29 novembre alle 18 si affronterà il tema del nostro essere comunità politica e dell'evoluzione nel tempo di questo concetto con Marco Almagisti, docente dell'Università di Padova. In collaborazione con l'Università di Ferrara martedì 30 novembre si tratterà invece il tema delle misure di protezione dei minori stranieri non accompagnati grazie alla presenza della professoressa Arianna Thiene.

Due appuntamenti, mercoledì 1 dicembre e sabato 4 dicembre saranno dedicati all'avvio di percorsi di co-progettazione in ambito “giovani” e “disabilità”, aperti a tutte le realtà interessate. Il Centro Servizio Volontariato di Padova e Rovigo crede infatti molto nei progetti di sviluppo di comunità realizzati con – e non per – il territorio e da alcuni anni sta portando avanti nel polesine azioni concertate su diversi ambiti tematici.

Altro tema di grande attualità per il mondo associativo è rappresentato dal Registro Unico del Terzo Settore che entrerà in vigore il 23 novembre. Per questo è stato inserito in programma un appuntamento giovedì 2 dicembre di approfondimento sull'evoluzione dell'associazionismo alla luce del nuovo registro unico nazionale.

A pochi giorni dalla riapertura del Teatro Duomo di Rovigo anche Solidaria partecipa a questo interessante progetto portando uno spettacolo teatrale che sta facendo tappa in tutta Italia. Tiziana Di Masi andrà in scena giovedì 2 dicembre alle 21 con “Io siamo”, un viaggio nell'Italia del volontariato.

Parlando di evoluzione non si può non riflettere sull'evoluzione delle nostre città dopo l'esperienza del Covid. Ci aiuteranno a delineare le principali linee di innovazione e cambiamento tre ricercatori dell'Università IUAV di Venezia venerdì 3 dicembre: Elena Ostanel, Giulia Lucertini e Denis Maragno in un incontro che si svolgerà in un altro luogo significativo per Rovigo: il nuovo Urban Digital Center.

Le presentazioni di libri, tutte realizzate in collaborazione con REM, proseguono sabato 4 dicembre con Danilo Trombin e il suo “Viaggio nel Delta del Po. Guida sentimentale all'ultima frontiera” per terminare domenica 5 dicembre con Mauro Varotto che presenterà il libro scritto a quattro mani con Telmo Pievani “Viaggio nell'Italia dell'Antropocene”.

La mattina del 5 dicembre, Giornata Internazionale del Volontariato, sarà infine presentata la ricerca “Il futuro è l'altro: ritornare nei territori” curata da Animazione Sociale, rivista per operatori sociali che offre una lettura interessante sul ruolo di ciascuno nello sviluppo di comunità solidali e coese.

Tutti gli eventi saranno a partecipazione gratuita, su iscrizione a partire dal 17 novembre dal sito www.solidaria.eu.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl