you reporter

CORONAVIRUS

La variante Omicron è già in Veneto

L’allarme di Zaia: “Sforati due parametri su tre, rischiamo di andare verso la zona rossa”

La variante Omicron è già in Veneto

03/12/2021 - 22:13

La variante Omicron è arrivata in Veneto. A risultare contagiato, un uomo, residente nel Vicentino, rientrato da un viaggio di lavoro in Sudafrica. Il paziente, vaccinato, è risultato negativo a un primo tampone fatto al rientro, ma, percependo alcuni leggeri sintomi, ne ha fatto un secondo, che ha dato esito positivo, evidenziando la variante Omicron. Si trova in quarantena, a casa con la moglie e due figli. Positivi anche la moglie e uno dei figli, ma la sequenziazione è ancora in corso.

“Siamo in massima allerta su tutto il fronte - ha sottolineato in serata il presidente del Veneto Luca Zaia - e questa novità, non bella ma attesa, dimostra che la rete dei controlli, dei tamponi e delle sequenziazioni funziona efficacemente. Stiamo esprimendo il massimo sforzo”,

In mattinata, il governatore aveva definito “appeso a un filo” il passaggio del Veneto in zona gialla. Zaia, infatti, ha ricordato che sono “tre i parametri” su cui si calcola il passaggio di zona della Regione: “Quelli relativi a incidenza e terapie intensive sono superati - ha detto - mentre per l’area non critica dobbiamo arrivare al 15%, quando ci arriveremo passeremo in zona gialla. Siamo appesi al filo dell’occupazione in area medica negli ospedali”. Insomma, se il numero di posti letto occupati negli ospedali continuerà ad aumentare, per il Veneto il passaggio in zona gialla, con restrizioni più stringenti, sarà inevitabile. Forse già dal prossimo lunedì.

E non è finita, perché se il trend attuale del contagio dovesse continuare, e dunque “se dovessimo proiettare la media dei ricoveri degli ultimi 15 giorni, pian piano arriveremmo anche all’arancione e al rosso, ma non è prevedibile il comportamento del virus. Per questo investiamo molto sulla terza dose: perché ci garantisce di essere abbastanza tranquilli sul rischio di ricoveri, perché la vera sfida di questa tragedia si gioca dentro l’ospedale”. Zaia ha poi ricordato che questa “battaglia ha già cominciato a togliere posti letto a pazienti che ne avevano bisogno per altre patologie. I pazienti Covid sono pazienti complicati: sono come ‘radioattivi’, chi interagisce con loro, ad esempio, deve mettere in atto procedure che paralizzano reparti interi. Per non parlare della divisione dei pazienti Covid e non Covid nei reparti”.

A proposito di ospedali, Zaia ha rimarcato che “io ho l’obbligo di dire la verità ai cittadini: io non ce l’ho con i no vax, ma vaccinarsi è la sola soluzione. Non possiamo continuare a diffondere l’alibi che questo virus si curi a casa: adesso basta! Il 93% dei positivi si è curato a casa, ma senza i reparti di pneumologia e le terapie intensive molti sarebbero morti”. Quindi ha sottolineato che oggi, “a parità di contagiati abbiamo un quarto dei ricoverati rispetto all’anno scorso” e che “l’83% di questi sono non sono vaccinati”.

Mentre sul ritorno delle mascherine nelle città italiane, il governatore ha tenuto a sottolineare che “la mascherina all’aperto diventa obbligatoria in zona gialla. Noi probabilmente passeremo in zona gialla nel giro di qualche settimana visto l’incremento dei contagi. Io, comunque, la mascherina la porto sempre quando mi trovo in un assembramento: serve buon senso”. Quindi sull’ipotesi di rendere il vaccino obbligatorio ha sottolineato nuovamente: “Io sono contrario all’obbligo vaccinale perché sono pratico. Cosa vuol dire rendere obbligatorio il vaccino? Non c’è un modello vaccinale nel mondo che abbia raggiunto il 100%. La vaccinazione obbligatoria prevedrebbe il Tso, ed è fattibile in un paese in cui non possiamo nemmeno chiedere la carta d’identità ad un cittadino? Per favore siamo seri”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 8
  • diduve

    04 Dicembre 2021 - 11:11

    Se l'unica soluzione e' la vaccinazione allora si' che devi avercela coi no-vax!

    Rispondi

  • diduve

    04 Dicembre 2021 - 11:11

    Se l'unica soluzione e' la vaccinazione allora si' che devi avercela coi no-vax!

    Rispondi

Mostra più commenti

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl