you reporter

CORONAVIRUS IN POLESINE

Dal 16 dicembre parte la vaccinazione dei bimbi, anche da noi

La conferma ufficiale dell'azienda Ulss 5

Vaccino, in Polesine arriveranno 2500 dosi a settimana

09/12/2021 - 12:42

A oggi, sono state 41.390 le terze dosi somministrate in Polesine. A domicilio, i due distretti ne hanno somministrate 2050. Un servizio estremamente importante, che viene garantito dagli sforzi dell'Ulss 5 Polesana.  Le positività nelle ultime 24 ore sono state 66, 66 i ricoverati complessivi, cinque dei quali sono ricoverati in Terapia Intensiva. Significa che, nelle ultime 24 ore, ci sono stati sette nuovi ricoveri. Un aumento molto consistente, a livello polesano.

Questo fa sì che il destino dell'ospedale di Trecenta, con questo ritmo di crescita del contagio, sia quello di tornare più o meno esclusivamente un Covid Hospital. Uno sviluppo che, al momento, non è scattato. Ad Adria e Rovigo, invece, spiegano i vertici aziendali, si farà l'impossibile per evitare la riduzione nell'erogazione delle prestazioni ordinarie. Sempre su questo a fronte, a breve potrebbero arrivare limitazioni per quanto concerne le visite dei familiari alle persone degenti, anche diversificando la situazione da area ospedaliera ad area ospedaliera, sempre nell'ottica di tutela dei pazienti e di contenimento del contagio da coronavirus.

Possibile che, a breve, sia messa anche in cantiere una diminuzione nell'attività di esecuzione di tamponi a pagamento, sia molecolari che antigenici, anche alla luce di accordi che potrebbero essere presi con le farmacie.

E' in atto un aumento sensibile del contagio, che rende sempre più fondamentale una delle eccellenze dell'Ulss 5 Polesana, ossia il servizio di tracciamento e isolamento dei contatti dei positivi, un passaggio fondamentale per spezzare la catena del contagio ed evitare che questo aumenti in maniera esponenziale.

Sul fronte della campagna vaccinale, 9700 sono i posti ancora disponibili, a gennaio 14mila, a febbraio 21mila. "Vorrei rivolgere un appello a tutti - spiega il direttore generale dell'Ulss 5 Patrizia Simionato - Presentatevi previa prenotazione, con l'eccezione di coloro che devono ancora farsi la prima dose. Vorremmo, a parte questa casistica, che passasse il messaggio che i posti disponibili ci sono e che la prenotazione ci aiuta a garantire un percorso fluido". L'accesso diretto, quindi, riservato alle prime dosi, rappresenta una eccezione.

Anche sul fronte dei tamponi, sono attivi sei centri che li eseguono. "Anche in questo caso - prosegue Simionato - domandiamo che venga eseguita la prenotazione, anche alla luce del fatto che i nostri centri vengono utilizzati anche da persone del Padovano, alla luce dell'attacco hacker subito dall'azienda Ulss 6 Euganea".

Dal prossimo 16 dicembre, cominceranno le vaccinazioni pediatriche, ossia ai bimbi della fascia tra i 5 e 11 anni. "Garantiremo percorsi dedicati nei centri vaccinali - spiega Simionato - ma si sta lavorando anche alla vaccinazione negli ambulatori dei pediatri aderenti, così come in altri locali, distinti dai centri vaccinali, per i bimbi più piccoli. A breve arriveranno tutte le informazioni del caso". In particolare, il percorso dedicato dovrebbe scattare per i bambini della fascia 5 - 10 anni.

Il 16 è la data fissata per l'avvio, in concreto, delle vaccinazioni sui bimbi. Nei prossimi giorni, quindi, verranno rese note le modalità delle prenotazioni.

E' chiaro che l'azienda sta affrontando un enorme sforzo, alla luce della mole di lavoro che si rende necessaria, sia in termini di attività ospedaliera che di attività di tracciamento e di esecuzione dei tamponi. E' anche per questo che sono in partenza o già partite selezioni di personale, sia per infermieri, che per personale amministrativo.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl