you reporter

CORONAVIRUS IN POLESINE

"I gestori dei locali e degli esercizi controllino il Green Pass"

Appello del Prefetto alla luce delle nuove disposizioni di legge

green pass, controlli, polesine

Controllo del Green pass all'ingresso sui luoghi di lavoro

13/01/2022 - 15:36

Si è tenuta nella mattinata di giovedì 13 gennaio in Prefettura una riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, presieduta dal Prefetto di Rovigo Clemente Di Nuzzo, volta ad effettuare un aggiornamento delle attività di controllo sulle misure di contenimento della pandemia.

Alla riunione hanno partecipato, oltre ai vertici provinciali delle Forze dell’ordine, il presidente della Provincia, il vicesindaco di Rovigo, il Direttore dell’Ulss 5 Polesana, il dirigente della Polizia Stradale, il rappresentante dell’Ufficio scolastico territoriale, i referenti delle associazioni di categoria Cna e Confartigianato e dei gestori del trasporto pubblico locale.

In apertura, il Prefetto Di Nuzzo ha fornito i dati relativi all’attività espletata dalle Forze di polizia che, a decorrere dal 6 dicembre scorso, hanno effettuato oltre 20.000 controlli a seguito dei quali sono state elevate irrogate 176 sanzioni.

Nel corso dell’incontro sono state poi esaminate e approfondite le innovazioni introdotte dai recenti decreti legge adottati dal Governo alla luce, altresì, delle indicazioni contenute in apposite direttive diramate ai Prefetti dal Ministero dell’Interno.

Il Prefetto, in proposito, ha richiamato l’attenzione dei gestori del trasporto pubblico locale riguardo al loro ruolo di “primo presidio di controllo” sul possesso del green pass rafforzato e sull’uso della mascherina FFP2 per coloro che utilizzano i mezzi pubblici. Analoga sensibilizzazione è stata rivolta ai rappresentanti delle associazioni di categoria in adesione all’obbligo, che scatterà il 20 gennaio prossimo, di esibizione del green pass base per chi accede ai servizi alla persona (parrucchieri, estetisti, tatuatori, ecc.).

Il tavolo ha affrontato inoltre la tematica relativa alla gestione del flusso veicolare per l’accesso al Covid point della “Cittadella socio sanitaria” di Rovigo che negli ultimi giorni ha creato delle criticità per l’elevato numero di automobili in coda per l’effettuazione dei tamponi. Al riguardo, nel pieno rispetto dell’autonomia organizzativa dell’Ulss 5  Polesana – alla quale peraltro il Prefetto ha inteso rivolgere un plauso per l’importante attività in corso di svolgimento – sono state condivise misure di rimodulazione dell’accesso al Covid point nell’obiettivo di ridurre i disagi provocati alla circolazione stradale e all’accesso ai servizi sanitari ordinari. In ogni caso la situazione continuerà ad essere monitorata da parte delle Forze dell’ordine e della Polizia Locale.

Infine, il Prefetto ha annunciato che a breve convocherà un’apposita riunione per imprimere un ulteriore impulso ai lavori di completamento del progetto di videosorveglianza “Polesine sicuro”, tenuto conto che l’opera interessa l’intero “sistema territorio” – in quanto vede protagonisti Stato, Regione ed enti locali – e che comporterà, in prospettiva, significativi vantaggi dal punto di vista della sicurezza del territorio in termini di prevenzione e repressione dei reati.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl